12122018In evidenza:
Ad

Sant’Anastasia: L’attore teatrale Antonio Merone porta in scena la commedia “Caviale e Lentichhe” in sinergia con la Fondazione Taranto.

L’attore teatrale Antonio Merone porta in scena la commedia “Caviale e Lentichhe” in sinergia con la Fondazione Taranto. L’appuntamento è per sabato 1 alle 20,45 e domenica 2 dicembre alle 19 al Metropolitan.

Ritorna con il consueto appuntamento natalizio al Metropolitan di Sant’Anastasia, l’attore Antonio Merone con lo spettacolo “Caviale e lenticchie” in sinergia con la Fondazione Taranto.

Copione donato direttamente dalla famiglia del grande macchiettista Nino Taranto, lo spettacolo andrà in scena sabato 1 e domenica 2 dicembre al teatro Metropolitan. Firma la regia anche quest’anno l’attore napoletano Antonino Laudicina. Di Scarnicci, Tarabusi e Taranto è una commedia divertente, che terrà “legato” il pubblico alle poltrone per due ore di sano divertimento.

Il protagonista Liborio Lamanna e Maddalena convivono con la figlia Fiorella, e di mestiere fa “l’invitato”, cioè si imbuca alle feste e ruba dolci e cibarie per poi mandarle a Vincenzo, amico-nemico, nei ristoranti a venderle. Vincenzo però fa la corte a donna Maddalena, che si nega “apparentemente”.  Con la famiglia vivono altri congiunti di Liborio: sua sorella Caterina e suo figlio Filippo.

Un giorno il protagonista escogita un nuovo modo per racimolare denaro: si fa promotore di un comitato di beneficenza. La famiglia però si vede arrivare in casa un vecchio bersagliere, cha canta e piange, ed alcuni membri del comitato di benefattori appartenenti alla nobiltà napoletana. Da questo momento iniziano una serie di intrighi che daranno vita ad una strepitosa commedia con un lieto fine a sorpresa.



Affianco ad Antonio Merone ci saranno anche i due storici attori, che della compagnia hanno contribuito a storie e successi, Carmine Beneduce e Susy Muselli. Il cast è quello storico: Franco Abete, Gennaro La Rocca, Alfredo Bruni, Attilio Miani, Annamaria Varetti, Aniello Sdino, Antonietta Galante, Rita Cioffi, Gabriele Merone, Carmen Porricelli, Lorenza De Simone, Margherita D’Alessandro e Michele Ciniglia.

Al maestro d’orchestra Giovanni Sepe è affidata la composizione delle musiche, i costumi sono realizzati dalla famosa costumista Rosaria Riccio. Chi va agli spettacoli di Merone sa che le scenografie sono delle vere e proprie opere d’arte, infatti anche quest’anno sono state disegnate dal bravo Franco Piccolo e realizzate dall’ingegnoso Castì.

L’impianto luci è affidato alla ditta Megaride e come ogni anno il fotografo di scena è il bravo Ciro Merone. L’amministrazione dello spettacolo è affidata a Clelia Mosca.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Invia Commento