11.7 C
Napoli
29 Febbraio, 2024

Cercola. Premio Cesare Filangieri presentato a Cercola tra poesia, arte, fotografia e musica.




È stata presentata a Cercola la nuova edizione del Premio Filangieri, che vedrà appuntamenti per tutto il 2024 fino alla conclusione con premiazione nelle Giornate Europee del Patrimonio, presenti gli organizzatori Ilaria Guardasole, Anna Falco, Rita Cioffi, Giancarlo Piccolo, l’assessore Katia Manzo.

Il Premio Cesare Filangieri di poesia, musica e fotografia, promosso dall’Ente ecclesiastico “Immacolata e Sant’Antonio”, con il patrocinio della Regione Campania e dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, nasce nel ricordo dell’illustre famiglia Filangieri che, proprio a Cercola, possedeva alcune proprietà, tra le quali il grande palazzo Piscicelli-Filangieri d’Arianiello, nel quale nacque il noto filosofo Gaetano Filangieri.

Abbiamo incontrato alcuni degli organizzatori tra cui Giancarlo Piccolo. Da dove nasce l’idea di questo premio e perché?  -“Gli obbiettivi sono 3 dare uno slancio a Cercola a livello culturale per dare maggiore valore al territorio dove diamo cresciuti. Partecipano artisti da tutta Italia, è un modo per far conoscere il nostro territorio ovunque ed includere quante più persone nella promozione della cultura.  Il secondo è valorizzare la Cappella Filangieri, da cui prende il nome lo stesso premio. Quest’anno abbiamo voluto dare risalto all’ascolto, molte persone vivono la difficoltà ad essere ascoltati, in questo mondo individualista adesso è difficile: dare risalto alla propria voce e al proprio pensiero, ed il Premio può essere uno strumento per esprimersi”.

Chi fa parte della giuria? -“Diversi professionisti del territorio. Non solo vesuviano ma anche di altre città. Ci sono professori universitari, professori di scuola secondaria, artisti e scrittori. Noi cerchiamo di includere quante più realtà possibili per farci conoscere e fare cultura.

Quali sono i premi? -“A parte targhe per i vincitori, ci sono in premio gift card spendibili su amazon o tra le attività commerciali che ci supportano in modo da poter esserci uno scambio ed una maggiore conoscenza delle realtà del territorio. Grazie agli sponsor che ci sostengono da anni ed il patrocinio della Regione Campania riusciamo a far prendere vita a questo progetto. Il nostro obbiettivo è quello di aiutare anche le realtà del nostro territorio: c’è la “Bottega del libro” di San Giorgio a Cremano, dove è spendibile una gift card, o Iovilella Music Store, di Giugliano di articoli musicali dove è spendibile la gift card”.

Come funziona e chi può partecipare? -“Possono partecipare Adulti e Bambini perché è un concorso aperto a tutti, il nostro obbiettivo è includere quante più persone è possibile. Noi offriamo il primo, secondo e terzo posto, ma se un elaborato è valido ma non riesce ad arrivare al podio comunque riceve un attestato di merito o un trofeo. Le sezioni sono tre: poesia, musica e fotografia e quest’anno abbiamo voluto aprire a tematiche importanti come il conflitto inteso come guerra, conflitto interiore, anche temi altrettanti importanti come l’inquinamento, l’interculturalità e la multiculturalità”.

Oltre al premio mettete in campo altre attività? –“Il premio inizia a febbraio e termina a luglio, ma durante tutto l’arco del premio organizziamo numerosi eventi sono circa 2 al mese, sia in presenza che online per dare a tutti la possibilità di partecipare, perché il nostro obbiettivo è fare cultura, esportare cultura. Gli eventi non si svolgono solo a Cercola ma su tutto il territorio Campano”. Ù

A chi vuole partecipare cosa possiamo dire? –“Di sfruttare questa possibilità dato che comunque il concorso è gratuito. È bello mettersi in gioco e costruire qualcosa insieme, ed infatti alcuni di quelli che hanno partecipato o vinto sono rimasti parte integrante del premio Filangieri, diventando parte attiva dell’organizzazione dell’evento: come il nostro fotografo ufficiale che vinse 6 anni fa, oppure chi gestisce la sezione musica”.

Abbiamo chiesto ad uno dei vincitori degli anni precedenti, Umberto Paduano, perché partecipare? –“Io sono Umberto ho partecipato nel 2019 non conoscevo l’esistenza di questo premio, poi ho conosciuto Giancarlo Piccolo e ho partecipato e ho vinto la sezione fotografia, e d’allora partecipo in maniera costante a tutti gli eventi. Io credo che sia una delle poche possibilità che i giovani del territorio hanno per dimostrare ciò che hanno dentro. Negli anni sono state aggiunte sezioni, come quella della musica, che danno la possibilità di allargare il bacino di utenza ed artisti in un mondo che sembra scontato, grazie ai social ad esempio, ed invece queste sono davvero le realtà dove mettersi concretamente in mostra, quelle che si fanno a viso aperto di persona. Io consiglio di partecipare”.

Le parole dell’assessore Katia Manzo. –“Emozionata moltissimo perché è un momento culturale importante per Cercola e tutta la cittadinanza. Un premio portato avanti da giovani ragazzi ma soprattutto ragazze che tolgono tempo alla loro quotidianità per portate la cultura sul nostro territorio. Non ci sarà un patrocinio morale da parte del comune, ma molti di più per sottolineare l’importanza di questi eventi sul territorio”.



Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli