21.7 C
Napoli
20 Giugno, 2021

Tatuaggi e trucco permanente: nuovo Regolamento UE



A gennaio 2022 entrerà in vigore un nuovo Regolamento UE sul controllo delle sostanze contenute negli inchiostri per tatuaggi e trucco permanente. I produttori, distributori e tatuatori dovranno adeguarsi alle nuove regole. Appa Bolzano e Arpa Piemonte all’avanguardia in questo settore analitico.

Da gennaio 2022 entrerà in vigore in tutti gli Stati membri il Regolamento (EU) 2020/2081 con cui la Comunità Europea ha disciplinato più nel dettaglio la qualità e la sicurezza delle sostanze chimiche presenti negli inchiostri per tatuaggi e trucco permanente. Scopo della nuova regolamentazione è la maggior tutela del consumatore. Dopo tutto, circa il 12% dei cittadini dell’UE porta un tatuaggio e l’interesse per i tatuaggi continua a crescere, soprattutto tra i giovani. I produttoridistributori e tatuatori dovranno adeguarsi al nuovo regolamento. La responsabilità della sicurezza delle sostanze chimiche contenute negli inchiostri per tatuaggi, così come la relativa responsabilità penale, saranno a loro carico.

Appa Bolzano e Arpa Piemonte all’avanguardia

“L’Italia, come altri Stati, ha partecipato alla stesura di questo nuovo Regolamento”, sottolinea l’assessore all’ambiente ed energia della Provincia autonoma di Bolzano, Giuliano Vettorato. “Per la parte tecnico-analitica nell’ambito di progetti di collaborazione scientifica i Ministeri responsabili si sono avvalsi del contributo di Appa Bolzano e di Arpa Piemonte, che già da diversi anni effettuano analisi nell’ambito del controllo ufficiale sui colori per tatuaggi. Infatti, questi due Agenzie sono all’avanguardia in questo settore e collaborano da anni col Ministero della Salute e con l’Istituto Superiore di Sanità allo sviluppo ed alla validazione di nuove metodiche analitiche. Possiamo essere orgogliosi di questo apprezzamento a livello nazionale”.

Inchiostri colorati iniettati nel derma

Nell’applicazione del tatuaggio, così come del trucco permanente (permanent make-up), gli inchiostri sono iniettati nel derma dove permangono per tutta la vita, esponendo le persone all’effetto a lungo termine delle sostanze chimiche in essi contenute. “Gli inchiostri per tatuaggi e il trucco permanente sono una miscela di varie sostanze chimiche e possono contenere sostanze pericolose che causano allergie cutanee e altri effetti più gravi sulla salute”, fa presente Flavio Ciesa, chimico presso il Laboratorio analisi alimenti e sicurezza dei prodotti di Appa Bolzano. “I tatuaggi, una volta fatti, vengono rimossi solo con l’ausilio del laser“, spiega ancora Ciesa, “il quale degrada i pigmenti e le altre sostanze in molecole più piccole, ma questo non significa che spariscano. Anzi, se tra le sostanze iniettate vi sono sostanze chimiche nocive, la degradazione ne permette la libera circolazione nell’organismo. Gli interessati sono pertanto invitati ad informarsi bene prima di tatuarsi”.

50 per cento dei colori per tatuaggi non conforme

Da diversi anni Appa Bolzano controlla gli inchiostri presenti sul mercato e campionati dall’Azienda sanitaria dell’Alto Adige o dai NAS. “Le maggiori criticità”, sottolinea Luca D’Ambrosio, direttore del Laboratorio Analisi alimenti e sicurezza dei prodotti di Appa Bolzano, “si riscontrano nei colori a base di rosso o giallo per ciò che riguarda le ammine aromatiche. Nei neri la maggiore criticità deriva dagli idrocarburi policiclici aromatici. In generale bisogna fare anche attenzione alla concentrazione dei metalli pesanti. Attualmente il livello di non conformità degli inchiostri è circa il 50%, un valore estremamente preoccupante. Si auspica che con il nuovo regolamento questi numeri tendano al miglioramento, in modo da salvaguardare maggiormente la salute dei cittadini”.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito di Appa Bolzano.

Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli