22.7 C
Napoli
15 Aprile, 2024

Svimez: “La ripresa dell’occupazione al Sud non argina il disagio sociale”



Nel suo ultimo Rapporto. Economia e società nel Mezzogiorno, giunto alla cinquantesima edizione, la Svimez evidenzia che, nonostante la ripresa dei livelli occupazionali, al Sud aumentano anche le condizioni di estremo disagio sociale, in quanto il lavoro creato è precario, poco tutelato e mal retribuito.    

Rispetto al pre-pandemia – osserva Svimez  – la ripresa dell’occupazione si è mostrata più accentuata nelle regioni meridionali: +188 mila nel Mezzogiorno (+3,1%), +219 mila nel Centro-Nord (+1,3%). In tema di precarietà del lavoro, nella ripresa post-Covid dopo il ‘rimbalzo’ occupazionale è tornata a inasprirsi la precarietà”.

Dalla seconda metà del 2021 – precisa – è cresciuta l’occupazione più stabile, ma la vulnerabilità nel mercato del lavoro meridionale resta su livelli patologici. Quasi quattro lavoratori su dieci (22,9%) nel Mezzogiorno hanno un’occupazione a termine, contro il 14% nel Centro-Nord. Il 23% dei lavoratori a temine al Sud lo è da almeno cinque anni (l’8,4% nel Centro-Nord). Tra il 2020 e il 2022 è calata la quota involontaria sul totale dei contratti part time in tutto il Paese, ma il divario tra Mezzogiorno e Centro-Nord resta ancora molto pronunciato: il 75,1% dei rapporti di lavoro part time al Sud sono involontari contro il 49,4% del resto del Paese”. “L’incremento dell’occupazione – prosegue Svimez – non è in grado di alleviare il disagio sociale in un contesto di diffusa precarietà e bassi salari. Nonostante la crescita dell’occupazione, nel 2022 la povertà assoluta è aumentata in tutto il Paese. La povertà ha raggiunto livelli inediti. Nel 2022, sono 2,5 milioni le persone che vivono in famiglie in povertà assoluta al Sud: +250.000 in più rispetto al 2020 (–170.000 al Centro-Nord)”.

La crescita della povertà tra gli occupati – conclude Svimez – conferma che il lavoro, se precario e mal retribuito, non garantisce la fuoriuscita dal disagio sociale. Nel Mezzogiorno, la povertà assoluta tra le famiglie con persona di riferimento occupata è salita di 1,7 punti percentuali tra il 2020 e il 2022 (dal 7,6 al 9,3%). Un incremento si osserva tra le famiglie di operai e assimilati: +3,3 punti percentuali. Questi incrementi sono addirittura superiori a quello osservato per il totale delle famiglie in condizioni di povertà assoluta”.



Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli