11 C
Napoli
23 Aprile, 2024

Cercola. “Imparo a difendermi”: iniziativa dell’associazione KRAV MAGA patrocinata dal comune per la difesa della donna.



Tante donne tutti i giorni sono vittime di violenza, di discriminazione, di abusi ed è per questo che è importante la prevenzione, la difesa fisica e psicologica. Sul territorio regionale da anni combatte con e per le donne Francesco Dello Schiavo responsabile regionale Libertas settore KRAV MAGA, maestro di Karate e Krav Maga.

Dopo le lezioni, le dimostrazioni, gli eventi che organizziamo, se anche solo si avvicina una donna, significa che abbiamo fatto un buon lavoro, come è successo oggi a Cercola”, abbiamo incontrato Francesco Dello Schiavo all’evento “Imparo a difendermi” organizzato dall’assessore alle pari opportunità Katia Manzo e l’assessore allo sport Domenico Busiello nella settimana dedicata alla donna. Domenica 10 marzo si è svolto presso il Palazzetto dei Platani a Cercola, un evento dedicato alla difesa personale contro la violenza di genere promossa dall’Associazione Team Kanjo e patrocinata dal comune di Cercola per porre sempre di più l’attenzione sulla difesa personale della donna non solo l’8 marzo ma tutti i giorni dell’anno.

Cosa si può fare concretamente come si possono aiutare le donne a difendersi a livello fisico e mentale? –“La prima parte è fare un discorso psicologico, un discorso a livello mentale per riscostruire una forza ed un’autostima per chi ha già subito eventi spiacevoli, e quindi poi andiamo a lavorare con la pratica dell’autodifesa personale”, ci racconta Francesco Dello Schiavo.

Ci può raccontare qualche episodio che le è rimasto più impresso? –“Allora gli episodi tanti e diversi anche se gli schemi che si ripetono sono sempre gli stessi. Ma quelli che ti lasciano una ferita dento sono quelli che succedono dentro le 4 mura di casa, quando la violenza, soprattutto quella sessuale, è rivolta ad una moglie o ad una figlia, e li lo sconcerto ti assale”. Cosa possiamo dire a queste donne? –“Queste donna hanno paura di confidarsi, hanno bisogno di una persona che gli dia la forza di andare avanti, perché sono fragili in tutto perché hanno paura pure di confidarsi e confrontarsi con qualcuno. A queste donne dico che non devono avere paura, devono confidarsi, è un’attività che va fatta passo passo, prima a livello mentale e poi fisico. Per questo iniziative come questa svolta nel palazzetto dello sporto oggi a Cercola, è importante perché le donne devono sapere che le istituzioni e le associazioni ci sono e possono aiutarle”.

Quindi possiamo auspicare che questo sia l’inizio di tante altre iniziative? -“Questo non è un evento fine a se stesso. Questo evento è nato proprio per avere un seguito. Da parte nostra c’è la massima disponibilità e la volontà di organizzare tanti altri eventi, anche come questo, quindi creare un filone, entrare anche nelle scuole ”. Continua “Oggi abbiamo simulato un’aggressione a corta distanza, una presa per il polso, una presa per i capelli, una presa per il collo, quindi degli eventi pericolosi e poi abbiamo messo in atto delle pratiche per portare la donna ad essere salvata”.



Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli