14.9 C
Napoli
23 Febbraio, 2024

L’organo della reggia borbonica di Colorno




In occasione dell’uscita del volume “Il Serassi della Cappella Ducale di San Liborio a Colorno” edito da Serassi Edizioni, l’Associazione Culturale Giuseppe Serassi di Guastalla, il Festival Serassi e la Provincia di Parma hanno deciso di produrre un video di presentazione dello strumento costruito tra il 1792 ed il 1796 a Colorno.

Oltre agli interventi di Paola Cirani, direttrice della Biblioteca Palatina di Parma, Beniamina Carretta, delegata al Coordinamento delle Politiche Culturali della Provincia di Parma, e alle note storiche di Giosuè Berbenni, ampio spazio è lasciato alla voce dell’organo suonato da Olga Laudonia, docente di Musicologia sistematica del Conservatorio di Cosenza. La scelta musicale è ricaduta su tre autori di diverse scuole: napoletana, emiliana e lombarda in omaggio allo strumento, crocevia – per committenza, ubicazione e fattura – di tre culture.

TRACKLIST

0:01 Introduzione
0:02 Nicola Maria Salzani (fl. 1760-1810) Sonatina II (prima edizione moderna a cura di O. Laudonia)
0:17 Note storiche di Giosuè Berbenni (voice over: Giulia Bernardi)
1:58 Intervento di Paola Cirani
3:36 Anonimo Elevazione da Martini G.B./Composizioni per Organo, HH 287 C.M.B.M. di Bologna
8:10 Intervento di Beniamina Carretta
9:07 Francesco Pasquale Ricci (1732-1817) Dialogue a due Tastature

NOTE SULLO STRUMENTO

Organo costruito tra il 1792 e il 1796 da Andrea e Giuseppe Serassi e restaurato nel 1985 dalla Ditta Tamburini di Crema
Temperamento del tono medio rigoroso
Corista: 433.8 hz a 20°
Disposizione fonica disponibile al sito web della Reggia di Colorno

NOTE SULLA PUBBLICAZIONE

𝐴 𝑞𝑢𝑎𝑟𝑎𝑛𝑡’𝑎𝑛𝑛𝑖 𝑑𝑎𝑙 𝑟𝑒𝑠𝑡𝑎𝑢𝑟𝑜 𝑑𝑒𝑙𝑙’𝑜𝑟𝑔𝑎𝑛𝑜 𝐴𝑛𝑑𝑟𝑒𝑎 𝐿𝑢𝑖𝑔𝑖 𝑒 𝐺𝑖𝑢𝑠𝑒𝑝𝑝𝑒 𝑆𝑒𝑟𝑎𝑠𝑠𝑖, 𝑐𝑜𝑛𝑑𝑜𝑡𝑡𝑜 𝑝𝑒𝑟 𝑣𝑜𝑙𝑒𝑟𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑃𝑟𝑜𝑣𝑖𝑛𝑐𝑖𝑎 𝑑𝑖 𝑃𝑎𝑟𝑚𝑎, 𝑞𝑢𝑒𝑠𝑡𝑜 𝑠𝑡𝑢𝑑𝑖𝑜 𝑠𝑖 𝑝𝑟𝑜𝑝𝑜𝑛𝑒 𝑑𝑖 𝑜𝑓𝑓𝑟𝑖𝑟𝑒 𝑢𝑛𝑎 𝑛𝑢𝑜𝑣𝑎 𝑝𝑟𝑜𝑠𝑝𝑒𝑡𝑡𝑖𝑣𝑎 𝑠𝑢𝑙𝑙𝑎 𝑠𝑡𝑜𝑟𝑖𝑎 𝑒 𝑙𝑒 𝑒𝑣𝑜𝑙𝑢𝑧𝑖𝑜𝑛𝑖 𝑡𝑒𝑐𝑛𝑖𝑐ℎ𝑒 𝑒 𝑡𝑖𝑚𝑏𝑟𝑖𝑐ℎ𝑒 𝑑𝑖 𝑞𝑢𝑒𝑠𝑡𝑜 𝑚𝑜𝑛𝑢𝑚𝑒𝑛𝑡𝑎𝑙𝑒 𝑠𝑡𝑟𝑢𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜, 𝑔𝑟𝑎𝑧𝑖𝑒 𝑎𝑑 𝑢𝑛𝑎 𝑎𝑐𝑐𝑢𝑟𝑎𝑡𝑎 𝑟𝑖𝑐𝑒𝑟𝑐𝑎 𝑎𝑟𝑐ℎ𝑖𝑣𝑖𝑠𝑡𝑖𝑐𝑎, 𝑎 𝑛𝑢𝑜𝑣𝑒 𝑖𝑚𝑝𝑜𝑟𝑡𝑎𝑛𝑡𝑖 𝑎𝑐𝑞𝑢𝑖𝑠𝑖𝑧𝑖𝑜𝑛𝑖 𝑑𝑜𝑐𝑢𝑚𝑒𝑛𝑡𝑎𝑟𝑖𝑒 𝑒 𝑎 𝑢𝑛𝑎 𝑝𝑢𝑛𝑡𝑢𝑎𝑙𝑒 𝑎𝑛𝑎𝑙𝑖𝑠𝑖 𝑜𝑟𝑔𝑎𝑛𝑜𝑙𝑜𝑔𝑖𝑐𝑎.

𝐶𝑜𝑠𝑡𝑟𝑢𝑖𝑡𝑜 𝑡𝑟𝑎 𝑖𝑙 1792 𝑒 𝑖𝑙 1796 𝑔𝑟𝑎𝑧𝑖𝑒 𝑎 𝑢𝑛𝑎 𝑐𝑜𝑚𝑚𝑖𝑡𝑡𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑑’𝑒𝑐𝑐𝑒𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒, 𝑙𝑎 𝑝𝑟𝑖𝑚𝑎 𝑑𝑖 𝑟𝑎𝑛𝑔𝑜 𝑟𝑒𝑎𝑙𝑒 𝑎𝑣𝑢𝑡𝑎 𝑑𝑎𝑖 𝑆𝑒𝑟𝑎𝑠𝑠𝑖, 𝑠𝑢 𝑒𝑠𝑝𝑟𝑒𝑠𝑠𝑎 𝑣𝑜𝑙𝑜𝑛𝑡𝑎̀ 𝑑𝑒𝑙 𝐷𝑢𝑐𝑎 𝐹𝑒𝑟𝑑𝑖𝑛𝑎𝑛𝑑𝑜 𝑑𝑖 𝐵𝑜𝑟𝑏𝑜𝑛𝑒, 𝑞𝑢𝑒𝑠𝑡𝑜 𝑠𝑡𝑟𝑢𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑐𝑜𝑛 𝑖𝑙 𝑠𝑢𝑜 𝑖𝑛𝑐𝑎𝑛𝑡𝑒𝑣𝑜𝑙𝑒 𝑐𝑜𝑛𝑛𝑢𝑏𝑖𝑜 𝑑𝑖 𝑎𝑟𝑡𝑒, 𝑠𝑐𝑖𝑒𝑛𝑧𝑎 𝑒 𝑡𝑒𝑐𝑛𝑖𝑐𝑎 𝑟𝑎𝑝𝑝𝑟𝑒𝑠𝑒𝑛𝑡𝑎 – 𝑛𝑒𝑙𝑙’𝑖𝑛𝑡𝑒𝑟𝑎 𝑝𝑒𝑛𝑖𝑠𝑜𝑙𝑎 – 𝑖𝑙 𝑚𝑎𝑠𝑠𝑖𝑚𝑜 𝑒𝑠𝑒𝑚𝑝𝑖𝑜 𝑑𝑒𝑙𝑙’𝑜𝑟𝑔𝑎𝑛𝑎𝑟𝑖𝑎 𝑠𝑒𝑡𝑡𝑒𝑐𝑒𝑛𝑡𝑒𝑠𝑐𝑎.

𝐼𝑙 𝑙𝑖𝑏𝑟𝑜, 𝑑𝑜𝑝𝑜 𝑎𝑣𝑒𝑟 𝑡𝑟𝑎𝑡𝑡𝑎𝑡𝑜 𝑔𝑙𝑖 𝑠𝑡𝑟𝑢𝑚𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑝𝑟𝑒𝑐𝑒𝑑𝑒𝑛𝑡𝑖, 𝑠𝑖 𝑠𝑣𝑖𝑙𝑢𝑝𝑝𝑎 𝑎𝑡𝑡𝑟𝑎𝑣𝑒𝑟𝑠𝑜 𝑙’𝑎𝑟𝑡𝑖𝑐𝑜𝑙𝑎𝑡𝑜 𝑖𝑡𝑒𝑟 𝑐𝑜𝑠𝑡𝑟𝑢𝑡𝑡𝑖𝑣𝑜 𝑑𝑢𝑟𝑎𝑡𝑜 𝑢𝑛 𝑖𝑛𝑡𝑒𝑟𝑜 𝑙𝑢𝑠𝑡𝑟𝑜. 𝐺𝑟𝑎𝑧𝑖𝑒 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑠𝑐𝑜𝑝𝑒𝑟𝑡𝑎 𝑑𝑖 𝑢𝑛 𝑐𝑜𝑛𝑠𝑖𝑠𝑡𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑛𝑢𝑐𝑙𝑒𝑜 𝑑𝑖 𝑑𝑜𝑐𝑢𝑚𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑖𝑛𝑒𝑑𝑖𝑡𝑖 𝑒̀ 𝑠𝑡𝑎𝑡𝑜 𝑝𝑜𝑠𝑠𝑖𝑏𝑖𝑙𝑒 𝑟𝑖𝑐𝑜𝑠𝑡𝑟𝑢𝑖𝑟𝑒 𝑐𝑜𝑛 𝑝𝑟𝑒𝑐𝑖𝑠𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑔𝑙𝑖 𝑒𝑣𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑖𝑛𝑒𝑎𝑟𝑒 𝑙𝑎 𝑠𝑡𝑜𝑟𝑖𝑎 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑜 𝑠𝑡𝑟𝑢𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑛𝑒𝑖 𝑠𝑒𝑐𝑜𝑙𝑖 𝑠𝑢𝑐𝑐𝑒𝑠𝑠𝑖𝑣𝑖.

𝑁𝑒𝑙 𝑙𝑖𝑏𝑟𝑜, 𝑎𝑐𝑐𝑎𝑛𝑡𝑜 𝑎𝑑 𝑢𝑛 𝑖𝑛𝑡𝑒𝑟𝑒𝑠𝑠𝑎𝑛𝑡𝑒 𝑠𝑎𝑔𝑔𝑖𝑜 𝑎 𝑐𝑢𝑟𝑎 𝑑𝑖 𝑃𝑎𝑜𝑙𝑎 𝐶𝑖𝑟𝑎𝑛𝑖 𝑐ℎ𝑒 𝑡𝑟𝑎𝑡𝑡𝑎 𝑙’𝑖𝑛𝑡𝑒𝑛𝑠𝑎 𝑎𝑡𝑡𝑖𝑣𝑖𝑡𝑎̀ 𝑚𝑢𝑠𝑖𝑐𝑎𝑙𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝐶𝑎𝑝𝑝𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑑𝑖 𝑆𝑎𝑛 𝐿𝑖𝑏𝑜𝑟𝑖𝑜, 𝑠𝑖 𝑠𝑒𝑔𝑛𝑎𝑙𝑎𝑛𝑜: 𝑙𝑎 𝑑𝑒𝑡𝑡𝑎𝑔𝑙𝑖𝑎𝑡𝑎 𝑠𝑐ℎ𝑒𝑑𝑎 𝑑𝑒𝑠𝑐𝑟𝑖𝑡𝑡𝑖𝑣𝑎 𝑑𝑒𝑙𝑙’𝑜𝑟𝑔𝑎𝑛𝑜, 𝑙𝑎 𝑐𝑜𝑚𝑝𝑙𝑒𝑡𝑎 𝑎𝑝𝑝𝑒𝑛𝑑𝑖𝑐𝑒 𝑓𝑜𝑡𝑜𝑔𝑟𝑎𝑓𝑖𝑐𝑎 𝑐𝑜𝑛𝑡𝑒𝑛𝑒𝑛𝑡𝑒 𝑢𝑛𝑎 𝑠𝑒𝑟𝑖𝑒 𝑑𝑖 𝑖𝑚𝑚𝑎𝑔𝑖𝑛𝑖 𝑖𝑛𝑒𝑑𝑖𝑡𝑒 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑜 𝑠𝑡𝑟𝑢𝑚𝑒𝑛𝑡𝑜 𝑝𝑟𝑖𝑚𝑎 𝑑𝑒𝑖 𝑙𝑎𝑣𝑜𝑟𝑖 𝑑𝑖 𝑟𝑒𝑠𝑡𝑎𝑢𝑟𝑜 𝑒 𝑢𝑛’𝑎𝑝𝑝𝑒𝑛𝑑𝑖𝑐𝑒 𝑑𝑜𝑐𝑢𝑚𝑒𝑛𝑡𝑎𝑟𝑖𝑎 𝑟𝑖𝑐𝑐𝑎 𝑑𝑖 𝑎𝑝𝑝𝑟𝑜𝑓𝑜𝑛𝑑𝑖𝑚𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑟𝑒𝑙𝑎𝑡𝑖𝑣𝑖 𝑎 𝑔𝑟𝑎𝑛𝑑𝑖 𝑠𝑡𝑟𝑢𝑚𝑒𝑛𝑡𝑖 𝑐𝑜𝑒𝑣𝑖, 𝑡𝑎𝑏𝑒𝑙𝑙𝑒 𝑒 𝑑𝑖𝑠𝑒𝑔𝑛𝑖 𝑐ℎ𝑒 𝑎𝑖𝑢𝑡𝑎𝑛𝑜 𝑖𝑙 𝑙𝑒𝑡𝑡𝑜𝑟𝑒 𝑎 𝑐𝑜𝑛𝑡𝑒𝑠𝑡𝑢𝑎𝑙𝑖𝑧𝑧𝑎𝑟𝑒 𝑙’𝑒𝑐𝑐𝑒𝑧𝑖𝑜𝑛𝑎𝑙𝑖𝑡𝑎̀ 𝑑𝑒𝑙𝑙’𝑜𝑝𝑒𝑟𝑎.

𝐼𝑛 𝑢𝑛 𝑚𝑜𝑛𝑑𝑜 𝑖𝑛 𝑐𝑜𝑠𝑡𝑎𝑛𝑡𝑒 𝑒 𝑟𝑎𝑝𝑖𝑑𝑎 𝑒𝑣𝑜𝑙𝑢𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒 𝑒̀ 𝑓𝑜𝑛𝑑𝑎𝑚𝑒𝑛𝑡𝑎𝑙𝑒 𝑝𝑟𝑒𝑠𝑒𝑟𝑣𝑎𝑟𝑒 𝑖𝑙 𝑛𝑜𝑠𝑡𝑟𝑜 𝑝𝑎𝑡𝑟𝑖𝑚𝑜𝑛𝑖𝑜 𝑠𝑡𝑜𝑟𝑖𝑐𝑜 𝑒 𝑐𝑢𝑙𝑡𝑢𝑟𝑎𝑙𝑒 𝑝𝑒𝑟 𝑔𝑎𝑟𝑎𝑛𝑡𝑖𝑟𝑒 𝑐ℎ𝑒 𝑙𝑒 𝑔𝑒𝑛𝑒𝑟𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑖 𝑓𝑢𝑡𝑢𝑟𝑒 𝑝𝑜𝑠𝑠𝑎𝑛𝑜 𝑐𝑜𝑛𝑜𝑠𝑐𝑒𝑟𝑒 𝑒 𝑎𝑝𝑝𝑟𝑒𝑧𝑧𝑎𝑟𝑒 𝑙𝑒 𝑟𝑎𝑑𝑖𝑐𝑖 𝑑𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑛𝑜𝑠𝑡𝑟𝑎 𝑐𝑖𝑣𝑖𝑙𝑡𝑎̀.

ALTRI LINK

► Iscriviti al canale YouTube La Mantovana https://www.youtube.com/LaMantovanaCh
► Sito ufficiale dell’Associazione culturale Giuseppe Serassi https://www.serassi.it
► Sito ufficiale dell’organista Olga Laudonia https://www.olgalaudonia.it



Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli