24.1 C
Napoli
13 Aprile, 2024

Falchi della Squadra Mobile di Napoli eseguono un’ordinanza di custodia cautelare



Gli agenti della Polizia di Stato della Squadra Mobile hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa, dal Tribunale di Napoli Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari, su richiesta del P.M.   nei confronti di Barbuto Giovanni , ventenne napoletano responsabile di un tentato scippo,   aggravato dalla complicità di un minorenne e dalla violenza perpetrata sulla vittima.

Il provvedimento emesso ed eseguito questa mattina,  nasce da una minuziosa e complessa attività info investigativa, condotta dagli agenti della sezione Falchi della Squadra Mobile di Napoli , è scaturisce dalla denuncia sporta,  il 5 agosto scorso  da un cittadino tailandese.

Il malcapitato turista tailandese, visitava il centro storico cittadino con la moglie e due figli e verso le 18.00, in via Benedetto Croce, aveva subito l’aggressione alle spalle  da parte di un giovane  che , con violenza gli aveva afferrato il polso sinistro con l’intento di strappargli l’orologio  modello Rolex Yacht Master in oro,  dal valore di circa 23.000,00 euro, facendolo rovinare malamente a terra, fortunatamente senza riuscire nell’intento criminoso.

La vittima aveva denunciato l’accaduto ad un equipaggio della Squadra Mobile che transitava nella stessa strada, e sebbene non fosse in grado di riconoscere il giovane, per la rapidità e la concitazione dell’accaduto, ne aveva fornito una descrizione, risultata in seguito, molto utile, quale la giovane età, i baffi, il casco da moto indossato ed  il colore nero della maglietta.

Immediatamente la vittima veniva accompagnata presso il vicino nosocomio “Vecchio Pellegrini” per le cure necessarie, ricevendo  un referto per trauma contusivo-distorsivo  con escoriazioni al polso sinistro ed  una prognosi di 10 giorni.

Immediatamente sono iniziate le indagini, minuziose, attraverso la visione di quanto ripreso  dalle telecamere di videosorveglianza, presenti nelle aree in cui era avvenuto il delitto.

L’attenta lettura delle immagini ha concesso di scoprire che l’evento delittuoso era stato commesso dal Barbuto Giovanni, in compagnia di un minorenne, C.E. i quali,  sebbene formalmente incensurati, erano noti alle forze dell’ordine.

La famiglia  di turisti era stata seguita dai due giovani, a  bordo di una scooter  Honda SH,   già dalla via De Santis;  li avevano poi attesi nella via Benedetto Croce.

Il minorenne aveva  ricoperto il ruolo di vedetta ed aveva indicato al Barbuto l’imminente arrivo della vittima scelta.

Il Barbuto indossava il casco ed aggrediva  il turista, non riuscendo nell’intento scappava nella stradina laterale dove il minorenne, a bordo dello scooter,  lo aspettava guadagnando insieme la fuga,  attraverso la via Mezzocannone.

Il delitto era stato minuziosamente organizzato e le modalità dell’azione  rivelavano una condotta non occasionale, indicativa di una sinergia tra i  complici che non aveva alcuna connotazione di improvvisazione.

Tale circostanza  motivava  il provvedimento di  custodia cautelare per evitare la reiterazione di tali reati.

Tuttavia veniva disposta, dall’Autorità Giudiziaria, la sottoposizione del Barbuto  Giovanni   al regime alternativo degli arresti domiciliari.



Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli