test
29.5 C
Napoli
18 Giugno, 2024

De Cristofaro: “L’autonomia differenziata non piace a nessuno. La destra va fermata”



Pure l’ufficio Bilancio della Camera punta il dito contro l’Autonomia differenziata. Serve almeno una valutazione preventiva dell’impatto finanziario, dicono i tecnici di Montecitorio. L’incredibile risposta del governo è che solo a cose fatte si potrà fare una valutazione. In pratica, è come ristrutturare casa senza preventivo. Senza sapere quanto ti costerà e se resterà in piedi. E se alla fine dovrai scegliere fra accendere il riscaldamento o fare la spesa. L’Autonomia differenziata non piace a nessuno di quelli che si preoccupano della tenuta del Paese. Infatti non piace nemmeno ai vescovi che parlano esplicitamente di rischio per l’unità nazionale. Il leghista Fedriga risponde che i vescovi non hanno letto la proposta di legge, o non l’hanno capita perché secondo lui l’Autonomia farà addirittura volare il Mezzogiorno. Come? Tagliando risorse alle regioni meridionali che sono già le più povere del Paese“.
Questo quanto dichiarato tramite social dal senatore di Sinistra Italiana Peppe De Cristofaro, che poi ha proseguito: “Togli soldi ai poveri e vedrai che diventeranno ricchi. Succede solo nelle favole della destra. Insomma, siamo alla follia. Farebbero meglio a dire che di quello che accadrà all’Italia non gliene frega niente. Basta che alle Europee si possono mettere in petto la bandierina dell’Autonomia e del Premierato per raccattare voti. Mai che io ricordi un governo è stato così pericolosamente irresponsabile. Vanno fermati“.



Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli