12.8 C
Napoli
17 Aprile, 2024

AstraDoc, speciale 8 marzo: all’Astra di Napoli due film sulle battaglie dei diritti delle donne




Arrivano “Seven winters in Tehran”, dalla Berlinale in collaborazione con Internazionale,
e “Lala”, premio Corso Salani al Trieste Film Festival, con la regista Ludovica Fales presente in sala per incontrare il pubblico. Doppio speciale appuntamento di “AstraDoc – Viaggio nel cinema del reale” in occasione della Giornata internazionale della donna.

Venerdì 8 marzo 2024 la rassegna curata da Arci Movie porta al Cinema Academy Astra due opere che raccontano le battaglie delle donne per ottenere diritti ancora violati. Alle 19 con “Seven Winters in Tehran”, uno sguardo profondo sulla condizione della donna in Iran partendo da una tragica storia di violenza, e a seguire, alle 21, con “Lala”, la vicenda, tra realtà e finzione, di una giovane rom nata e cresciuta in Italia ma senza documenti e permesso di soggiorno. Entrambe le proiezioni saranno accompagnate da presenze tutte al femminile, Ludovica Fales, regista di “Lala”, interverrà la sera insieme a Gina Annunziata, coordinatrice della Scuola di Cinema, Fotografia e Audiovisivo dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, mentre il primo film sarà introdotto da Sara Borrillo, professoressa associata in storia dei paesi islamici dell’Università L’Orientale di Napoli.

 

 

 

 

 

Seven Winters in Tehran” (Germania-Francia, 2023, 97’) di Steffi Niederzoll, è il primo di tre film che saranno in esclusiva a Napoli grazie alla collaborazione di AstraDoc con la rivista “Internazionale” e con Cineagenzia nell’ambito della rassegna nazionale “Mondovisioni”. Presentato alla Berlinale 2023, dove ha vinto sia il “Peace Film Prize” che il premio “Compass Perspektive” nella sezione “Perspektive Deutsches Kino”, il documentario racconta la storia di Reyhaneh Jabbari, 19enne che, nel 2007 nella capitale dell’Iran, durante un incontro di lavoro con un nuovo cliente subisce una tentata violenza.

Lei lo accoltella e fugge. Viene arrestata e accusata di omicidio. Nonostante le numerose prove di legittima difesa, Reyhaneh non ha alcuna chance in tribunale perché il suo aggressore era un uomo potente che, anche da morto, viene protetto dalla società patriarcale. Grazie a video registrati in segreto forniti dai familiari, alle loro testimonianze e alle lettere scritte da Reyhaneh, il film ripercorre il processo, la detenzione e il destino di una donna diventata simbolo di resistenza per un intero paese. La sua lotta per i diritti rispecchia quella di tante altre donne, facendo luce sulla condizione femminile in Iran.

Nel 2016 ho incontrato a Istanbul il cugino di Shole, la madre di Reyhaneh, e sua moglie: erano fuggiti dall’Iran per mettere al sicuro del materiale filmato clandestinamente relativo al caso di Reyhaneh e ora erano bloccati in Turchia. È stato così che ho visto un video particolarmente commovente: mostra Shole seduta in un’auto davanti alla prigione, in attesa di sapere se a sua figlia sarà concessa la clemenza o sarà giustiziata. Questo momento pieno di speranza e disperazione ha lasciato un segno indelebile nella mia memoria. Nel corso di diversi mesi ho viaggiato ripetutamente in Turchia, siamo diventati amici, e mi hanno chiesto se con quel materiale potevo realizzare un film” (Steffi Niederzoll, note di regia).

Lala” (Italia-Slovenia, 2023, 85’) di Ludovica Fales, presentato in Concorso al Bellaria Film Festival, menzione speciale all’Ortigia Film Festival 2023, vincitore del premio Corso Salani al Trieste Film Festival 2024, accende i riflettori sulla condizione della popolazione Rom che in Italia rappresenta una minoranza etnica non riconosciuta. La maggioranza vive nei cosiddetti “campi nomadi” o “campi rom”, spesso in condizioni di forte degrado. Lala, Samanta e Zaga sono tre giovani italiane che l’Italia non riconosce perché i loro genitori sono nati altrove. É il racconto collettivo di una e tante adolescenti senza documenti portandoci, tra i paradossi della legge, attraverso i piani d’indagine in cui il film si snoda: verità, realtà e verosimiglianza. Lala si muove tra i frammenti della sua identità sospesa. Incrocia la storia di Samanta, l’interprete non professionista che la incarna, e quella di Zaga, la ragazza vera che ha ispirato il film. In uno stato fluido tra messa in scena e realtà, Lala intraprende un viaggio collettivo alla ricerca della identità di un’intera generazione dai diritti indefiniti. In un caleidoscopio di storie che si intersecano, il film diventa il manifesto di una generazione, un mosaico di voci di ragazze e ragazzi e che sono tutte e tutti Lala.

La storia di Lala è ispirata alla vita di Zaga, una ragazza molto giovane che ho incontrato dieci anni fa in un campo rom a Roma. Ho avuto la possibilità di essere molto vicina a lei per un lungo periodo di tempo prima che fuggisse improvvisamente, dopo aver fallito tutti i tentativi di ottenere i suoi documenti. Dopo aver riflettuto sul modo migliore per raccontare il nucleo della storia di Lala, la lotta per ottenere i documenti nel paese in cui era nata e cresciuta, ho deciso di trasformarlo in un film ispirato alla realtà. Credevo che questo fosse il processo migliore per trasmettere la verità più profonda al centro della sua storia, dal momento che lei non c’era ed era scomparsa senza lasciare traccia” (Ludovica Fales, note di regia).

Il biglietto per una sola proiezione costa 5 euro, ridotto a 4 euro per i soci Arci. Doppio ingresso 8 euro. Il Cinema Academy Astra è in via Mezzocannone 109. Per informazioni e aggiornamenti è possibile visitare i canali social di AstraDoc oppure navigare il sito www.arcimovie.it.

La rassegna AstraDoc è curata da Arci Movie in collaborazione con l’Università di Napoli Federico II, Parallelo 41 Produzioni e al Coinor. La rassegna vede il patrocinio del Comune di Napoli.



Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli