13.5 C
Napoli
18 Aprile, 2024

Zeppola di San Giuseppe: al forno o fritta ce n’è per tutti i gusti



Tra le varianti più gustose e apprezzate, si possono trovare le zeppole al pistacchio, alle fragole, al caramello e alla nocciola… ce n’è per tutti i gusti.

La storia delle zeppole di San Giuseppe è avvolta da diverse leggende e tradizioni antiche che si intrecciano nel corso dei secoli.

Una delle teorie fa risalire le origini delle zeppole alle festività romane delle Liberalia, celebrate il 17 marzo, in onore delle divinità Bacco e Sileno. Durante queste feste, si consumavano frittelle di frumento fritte in abbondante strutto e si bevevano grandi quantità di vino.

Un’altra versione delle origini delle zeppole risale ai riti di purificazione agraria nel Sud Italia, celebrati il 19 marzo per accogliere la primavera. Durante questi riti, si accendevano falò e si consumavano frittelle di forma serpentiforme, ricoperte di miele.

Una leggenda cristiana collega la nascita delle zeppole alla fuga della Sacra Famiglia in Egitto. Si racconta che San Giuseppe, per sostenere Maria e Gesù durante la fuga, vendesse frittelle dolci per strada insieme al suo lavoro di falegname.

Le prime registrazioni ufficiali della ricetta delle zeppole di San Giuseppe risalgono al 1837, nel trattato “La Cucina Teorico Pratica” del gastronomo napoletano Ippolito Cavalcanti, Duca di Buonvicino. Tuttavia, si ritiene che la prima ricetta delle zeppole napoletane moderne sia stata creata dal famoso pasticciere Pintauro, noto anche per aver ideato la sfogliatella napoletana.

Le zeppole di San Giuseppe sono preparate tradizionalmente con un impasto arricchito di uova, strutto e aromi, e vengono fritte due volte: prima nell’olio e poi nello strutto. Vengono quindi farcite con crema pasticcera e guarnite con un’amarena succosa.

Nonostante l’evoluzione delle preferenze culinarie, alcune tradizioni rimangono salde. Ad esempio, secondo alcuni pasticceri tradizionali napoletani come Mario Scaturchio, le vere zeppole di San Giuseppe devono essere fritte esclusivamente nello strutto.

In tempi più moderni, sono state sviluppate anche versioni più leggere delle zeppole, ad esempio le zeppole al forno, ma per molti esperti la vera essenza delle zeppole risiede nella versione fritta e preparata secondo le antiche tradizioni.

 



Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli