12142018In evidenza:
Ad

Somma Vesuviana: Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca all’inaugurazione dei nuovi reparti di riabilitazione della Casa di Cura “Santa Maria del Pozzo”

A Somma Vesuviana, domenica 2 dicembre 2018, è avvenuta la cerimonia di inaugurazione dell’ampliamento, con nuovi reparti di riabilitazione, della Casa di Cura Santa Maria del Pozzo, struttura fondata negli anni ‘80 dal Prof. Salvatore Terracciano, primario emerito di neurochirurgia, insieme alla sua consorte, Dott.ssa Maria Vittoria Montone, Cavaliere del Lavoro.

Dopo la visita ai nuovi reparti, con cerimonia religiosa officiata da Don Carlo Giuliano della Diocesi di Nola, Santuario di Sant’Agnello, tutti i partecipanti si sono ritrovati, nella gremita “Sala Conferenza Prof. Salvatore Terracciano”, per l’incontro pubblico cui hanno preso parte  la Dott.ssa A. Maddalena Terracciano, Presidente della Casa di Cura Santa Maria del Pozzo ed il suo Amministratore Delegato, Avv. Sergio Terracciano; il Sindaco di Somma Vesuviana, Salvatore Di Sarno; il Presidente dell’AIOP Campania, Sergio Crispino; il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

Le immagini riprese dal sociologo e giornalista, Antonio Castaldo per IESUS Istituto Europeo di Scienze Umane con gli interventi della Dott.ssa A. Maddalena Terracciano, Presidente della Casa di Cura Santa Maria del Pozzo e del Sindaco di Somma Vesuviana Salvatore Di Sarno sono state qui postate

Mentre la relazione dell’A. D. Avv. Sergio Terracciano e l’inizio del saluto del Presidente della Regione, Vincenzo De Luca, sono visionabili a questo indirizzo



Si consolida così la struttura vesuviana già eccellenza della sanità accreditata in Campania che a Somma Vesuviana si presenta con 16.000 metri quadrati per quattro piani di edificio, 250 posti letto, 358 dipendenti assunti a tempo indeterminato, 52 consulenti, reparti di riabilitazione neurologica, ortopedica, cardiaca e respiratoria nonché Day Hospital e Lungodegenza internistica riabilitativa, Stati di Coscienza Minima (Suap), Riabilitazione estensiva in regime di ricovero, Semiconvitto, ambulatoriale e Terapie domiciliari. La clinica è dotata delle più moderne attrezzature di 2 RMN, TAC e Laboratorio di Analisi Cliniche Accreditato. Oltre alle terapie tradizionali psicoterapia, fisioterapia, logopedia, neuropsicomotricità, terapia occupazionale e con attivazioni di diversi setting terapeutici. Attività scientifica in stretta collaborazione con le Università di Napoli ed è inoltre sede della Scuola di Specializzazione di Fisiatria dell’Università “Luigi Vanvitelli” di Caserta, la Scuola di Geriatria, il Tirocinio per i corsi di laurea in Neuropsicomotricità Infantile, Fisioterapia, Logopedia, Terapia della Psicomotricità dell’Età Evolutiva facenti parte della rete formativa Universale. L’A. D. Sergio Terracciano, insieme al Presidente, A. Maddalena Terracciano, continua intensificandola l’opera pioneristica iniziata dai loro genitori, il Prof. Salvatore Terracciano e la Dott.ssa Vittoria Montone.

Discretamente presente alla cerimonia, appartenente a questa operosa e stimata famiglia, produttrice di eccellenze sanitarie, era la stella che brilla in ambito internazionale, il Prof. Luigi Maria Terracciano, della “Molecular Pathology Division Institute of Pathology, University Hospital Basel”, Basilea in Svizzera.

In platea fra i tanti presenti, vi erano il Senatore Avv. Francesco Urraro; i Consiglieri Regionali della Campania, l’On. Carmine Mocerino e l’On. Mario Casillo; il Dott. Giuseppe Russo Direttore Sanitario dell’Ospedale del Mare di Napoli. Dal territorio circostante sono giunti il Sindaco di Pomigliano D’Arco, Dott. Raffaele Russo; il Sindaco di Mariglianella Felice Di Maiolo con il suo l’Assessore Arcangelo Russo.

Assai folta la partecipazione dei provenienti da Brusciano, paese di origine della famiglia del Professore Salvatore Terracciano, dove è stato Sindaco, come pure il fratello Avv. Ettore Leopoldo Terracciano. Da Brusciano dunque vi erano l’attuale Sindaco, Avv. Giuseppe Montanile, il suo Vice, Avv. Vincenzo Salvati, l’Assessore Arch. Lucia Casalvieri, ed i rappresentanti del Consiglio Comunale, il Presidente del Consiglio, Gianfranco Castaldo, ed Consiglieri Cesarina Onofrietto, Antonio Di Palma, Domenico Ruggiero, Mimmo Piccolo, Vincenzo Cerciello, Antonio Sposito, Rocco Travaglino ed il Magistrato, dott. Carminantonio Esposito, e gli ex, Consiglieri Comunali, Felice Castaldo e Nicola Di Maio, Assessori Vincenzo Porcaro, Giuseppe e Giovanni Negri.



Il sociologo Antonio Castaldo, invitato dall’A. D. Sergio Terracciano, si avvaleva dell’accompagnamento di Stefano De Falco e Salvatore Calvanese, fiduciari interni della struttura sanitaria SMDP.

Fra i presenti vi erano anche i rappresentanti dell’Arma, il Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Castello di Cisterna, Capitano Tommaso Angelone; il Maresciallo Alessandro Gambino della Caserma dei Carabinieri di Somma Vesuviana.

Il Presidente dell’AIOP Campania, Sergio Crispino, nel suo intervento, quando si è rivolto al Presidente De Luca ha affermato: “Noi investiamo sul territorio, in sinergia con la Regione Campania e siamo con lei Presidente per far diventare la Campania prima nella Sanità ed insieme abbiamo costruito un bel percorso. Resta un punto, quello del codice 75, che pare non debba esistere in Campania per foraggiare altre regioni limitrofe perciò siamo preoccupati per il clima politico. Saremo con lei e lei ci sta vicino!”.

Il Presidente della Regione, Vincenzo De Luca, rivolgendosi alla folta platea ha palesato orgogliosamente il massimo impegno ed i risultati raggiunti fino ad oggi nella Sanità in Campania: “Stiamo facendo miracoli in Regione, abbiamo bisogno di fare una rivoluzione, con i tempi delle innovazioni informatiche dopo gli investimenti, rendendoci conto che l’età media dei dipendenti è di 60 anni. Io guardo a questa struttura di grande eccellenza, al rapporto che c’è fra questa realtà, la passione e la qualità che non troverete a Milano. Intanto attaccano me per la Regione Campania. Sì, da noi in una struttura di frontiera, ospedale costruito nel 1978 e che non ha mai avuto manutenzioni, di recente ci sono state delle formiche attratte dal glucosio, ma voi avete mai sentito parlare di Mala Sanità del Nord? Anche dopo i 6 morti registrati? Questo lavoro va rispettato e se qualcuno pensa di mettere le mani sulla Sanità Campana gliele tagliamo. Una sola possibilità hanno: mi devono sparare in testa!  Abbiamo garantito con equilibrio e con rispetto il rapporto fra strutture private e pubbliche, abbiamo fatto il nuovo Piano Ospedaliero nel rispetto delle regole, il 2019 sarà dedicato alla realizzazione della rete di medicina territoriale e screening oncologico. C’è l’equilibrio finanziario ed il Piano Triennale di Rientro, anche se si rileva un clima di terrore quando occorre firmare una transazione nella Pubblica Amministrazione. Basta anche con la figura del Commissario che costa 14mila euro al mese netti, mentre un suo vice ne costa 9.000. La Campania, con oltre 13.000 dipendenti, va avanti con 250.000 euro in meno rispetto a 10 anni fa”.

A conclusione dell’incontro pubblico sono stati premiati dal Presidente SMDP, Dott.ssa Maddalena Terracciano, con una targa ricordo per l’eccellente lavoro svolto, l’Arch. Leonardo Rossi e l’Ing. Gaetano D’Ambrosio.

Il Servizio di Vigilanza a cura della “GEA Global Service Security”, Buffet allestito e servito dalla “De Rosa Dolce e Caffè” di Brusciano.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Invia Commento