08182019In evidenza:

“Sinergie”, San Giorgio a Cremano partecipa al bando dell’Anci con un progetto di management culturale rivolto ai giovani

Innovazione sociale giovanile. Anci chiama, San Giorgio risponde. L’amministrazione, guidata dal sindaco Giorgio Zinno, aderisce al bando “Sinergie”, promosso dall’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, per realizzare progetti di valorizzazione del territorio, coinvolgendo i giovani.

Il bando prevede un gemellaggio con un altro comune italiano che ha già realizzato un progetto di innovazione sociale giovanile, ritenuto a sua volta attuabile sul proprio, con la possibilità di apportare modifiche e adeguamenti più idonei al territorio.

Dopo un’attenta analisi dei  migliori progetti messi in campo i diversi comuni italiani, la città di San Giorgio a Cremano ha scelto di gemellarsi con Ascoli Piceno, portando qui le buone prassi del comune marchigiano relative al progetto “Space – Spazi creativi contemporanei”.

Come ad Ascoli Piceno infatti, ma ampliando e adattando il progetto al territorio e alle peculiarità artistiche e culturali sangiorgesi, l’idea è quella di unire cultura, valorizzazione del patrimonio vesuviano e identità del Premio Massimo Troisi.

Il progetto presentato prevede in particolare:

 – la possibilità di realizzare residenze artistiche, intese come percorsi formativi esperienziali sulla comicità, che possano generare performance fruibili al pubblico in occasione di spettacoli connessi al Premio Troisi (con la supervisione del direttore artistico del Premio);

– formare giovani all’imprenditoria in ambito culturale e dello spettacolo rafforzando, oltre alle competenza artistiche quelle manageriali;

– sviluppare un piano di comunicazione e identificare lo spazio pubblico da animare in una o più delle Ville Vesuviane, valorizzandole così ulteriormente, quali centri culturali e attrattori turistici.




In sostanza, si tratta di un progetto di management culturale e produzione artistica contemporanea che, sulla scorta di quanto fatto dal comune di Ascoli Piceno, è stato implementato rispettando la forte vocazione artistica della città.

“Lo scambio di buone pratiche di innovazione sociale in ambito giovanile – spiega il sindaco Giorgio Zinno – costituisce un elemento di sviluppo per ogni territorio che guarda oltre i propri confini per crescere ed evolversi. Abbiamo colto l’opportunità messa disposizione dall’Anci proprio perchè crediamo in questa prassi e perchè così potremo ottenere risorse che utilizzeremo per i nostri giovani e per la nostra città. Attendiamo ora la risposta dell’Anci, per avviare l’iter necessario alla realizzazione di queste azioni concrete che incrociano politiche giovanili, culturali e sociali”.     

“Rispetto alle idee che intendiamo realizzare vi è quella di realizzare sul territorio laboratori sull’arte della comicità, rivolti a giovani a cui stiamo già lavorando – aggiunge Pietro De Martino, assessore alla Cultura.  Sulla scia della vocazione propria del Premio Troisi, l’obiettivo è quello di far emergere nuovi talenti ed offrire loro la formazione necessaria. Già a settembre comunque avvieremo la progettualità con eventi che dedicati, aperti alla città per far conoscere a tutti le innovative idee per i nostri ragazzi”.


Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Invia Commento