29.1 C
Napoli
1 Luglio, 2022

San Giuseppe Vesuviano, RCV: “utilizzare il bene confiscato alla camorra di via croce rossa per la realizzazione di una moderna sede asl comprensiva di guardia medica”




l presidente di RcV Giugliano: “La chiusura della Guardia Medica, dopo quella degli storici uffici Asl, costituisce l’ennesimo schiaffo alla salute dei cittadini da parte dell’amministrazione Catapano. Coerentemente con la nostra battaglia portata avanti in tutte le sedi sin dal 2015, proponiamo di destinare l’immobile sequestrato ai clan a sede di un moderno complesso Asl dotato di Guardia Medica, un vero e proprio “Polo della salute” per i sangiuseppesi”.

A San Giuseppe Vesuviano, dopo la chiusura degli storici uffici Asl avvenuta nel 2015, chiude anche la Guardia Medica. A prendere posizione sull’accaduto è il movimento Rinascita Civile Vesuviana che, sin dal 2015, si batte in tutte le sedi per riportare gli uffici Asl in quella che fu la “Città del Commercio”.

“Dopo l’Asl, anche la Guardia Medica chiude i battenti nell’indifferenza più totale dell’amministrazione Catapano, la quale dimostra ancora una volta, qualora ce ne fosse stato bisogno, di non avere particolarmente a cuore il diritto alla salute dei cittadini sangiuseppesi”, dichiara il presidente di RcV, Francesco Giugliano, il quale aggiunge: “Sin dalla chiusura degli storici uffici di Via Ceschelli nel 2015, ci siamo battuti strenuamente in tutte le sedi, ivi compresa quella giudiziaria, per restituire l’Asl ai nostri concittadini, scontrandoci con un vero e proprio muro di gomma messo su dal sindaco Catapano e dai suoi. Ora i sangiuseppesi devono fare i conti anche con la chiusura della Guardia Medica, un danno immenso, ancor più grave in tempi di pandemia come quelli che stiamo vivendo. D’altra parte l’arrivo della Commissione di Accesso sul Municipio, con un probabile nuovo scioglimento per infiltrazioni camorristiche alle porte, testimonia inesorabilmente il fallimento di un’amministrazione comunale che ormai ha fatto il suo tempo”.

Per quanto riguarda il futuro RcV, tramite il presidente Giugliano, avanza una proposta per riportare il diritto alla salute al centro dell’agenda politica cittadina : “Noi continueremo a portare avanti la battaglia intrapresa nel 2015 e, a tal proposito, siamo pronti a sottoporre una nostra proposta alla cittadinanza ed ai diversi soggetti istituzionali coinvolti: destinare lo stabile sequestrato ai clan di Via Croce Rossa a sede di un vero e proprio “Polo della Salute”, ovvero un moderno complesso Asl, comprensivo di Guardia Medica, poliambulatori e 118 a disposizione dei cittadini sangiuseppesi”.

Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli