21.7 C
Napoli
20 Giugno, 2021

San Giuseppe Vesuviano: dopo la rissa del mese scorso, Rinascita Civile Vesuviana chiede l’immediata apposizione di segnaletica di divieto di sosta in via degli oleandri



Il presidente di RcV Giugliano: “A diverse settimane di distanza dalla violenta rissa provocata dalla sosta selvaggia, sindaco e giunta hanno completamente ignorato il problema di Via Degli Oleandri. Dinanzi ad una classe politica del tutto disinteressata al problema, ci appelliamo alla sensibilità del Comandante Fabrizio Palladino per
evitare che si possa verificare un nuovo “Caso Torre Annunziata”.

A diverse settimana dalla violenta rissa scatenata dalla sosta selvaggia in Via degli Oleandri a San Giuseppe Vesuviano, accogliendo le numerose doglianze dei residenti, Rinascita Civile Vesuviana ha protocollato un’istanza urgente indirizzata a sindaco, giunta e Polizia Municipale volta all’apposizione di segnaletica di divieto di sosta lungo entrambi i lati della carreggiata.

Già in passato ci siamo occupati del fenomeno “sosta selvaggia” a San Giuseppe Vesuviano, del tutto ignorato dall’intera classe politica locale, denunciando la vergognosa situazione tra le altre di Via Di Luggo e Via Amendola – ha dichiarato il presidente di RcV Francesco Giugliano, il quale sottolinea – Diverse settimane fa in Via Degli Oleandri per poco non ci è scappato il morto, con tanto di rissa con feriti.

E’ allucinante che sindaco e giunta, nonostante la gravità dell’accaduto, non abbiano ancora preso provvedimenti. D’altra parte, in circa 8 anni di mandato, la maggioranza Catapano ha lasciato che la c.d. “sosta selvaggia”divampasse, basti pensare che il Comune di San Giuseppe Vesuviano è sprovvisto di servizio di rimozione forzata dei veicoli e non ha “colonnine” per il ticket. Dinanzi alla totale indifferenza dell’amministrazione comunale, non resta che appellarci alla sensibilità del Comandante di Polizia Municipale Fabrizio Palladino affinché prenda gli opportuni provvedimenti: evitiamo che a San Giuseppe Vesuviano si verifichi un nuovo caso Torre Annunziata”.

Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli