10.3 C
Napoli
3 Dicembre, 2021

Rossella Solombrino (M24A-ET): “Manfredi, Maresca e Bassolino promettono di fare le nozze coi fichi secchi. Alternative elettorali senza sostanza!”




I candidati Sindaci Manfredi, Maresca e Bassolino buttano il fumo negli occhi dei cittadini napoletani, promettendo loro di organizzare nozze sontuose coi fichi secchi, o, se si preferisce, di friggere il pesce con l’acqua calda.

Questa, in estrema sintesi, la critica ben documentata ed argomentata a loro rivolta dalla giovane candidata Sindaco del Movimento 24 Agosto per l’Equità Territoriale Rossella Solombrino.

Dopo avere ricostruito, dati alla mano, la situazione disastrosa delle risorse di Palazzo San Giacomo, la Solombrino ha specificato: “Se si vuole essere onesti con i napoletani e puntare ad un reale sviluppo, bisogna mettere al centro le seguenti questioni: spesa storica, investimenti infrastrutturali, ripartizione equa del Recovery Plan”.

Il concetto di spesa storica e la mancata applicazione dei Lep a Napoli e al Sud – ha rimarcato – si traduce in ‘non ti do asili perché non ne hai mai avuti, non ti do autobus perché l’autobus non ti serve, non ti do l’assistenza ai disabili perché non te l’ho mai data”, per poi incalzare il candidato dem, “Caro Manfredi se si fa paladino dei più deboli nel suo programma, forse questo concetto dovrebbe farlo presente, altrimenti sono chiacchiere”.

Le reali possibilità di crescita del reddito procapite dei cittadini – ha proseguito la Solombrino – sono legate soprattutto agli investimenti in infrastrutture che attraggono imprese e capacità economica , da questo dipende quel 61% delle entrate del Comune e la sua capacità di escussione. Questo è correlato a quante risorse per le infrastrutture arrivano alla città. Siccome, dai dati Svimez, è accertato che da Roma le risorse straordinarie (fondi europei) con il gioco delle tre carte vengono date al Sud in misura inferiore e al posto dell’ordinario, tale capacità è ridotta. Qui mi rivolgo a Maresca, paladino dell’imprenditorialità. Come le vogliamo sviluppare queste imprese? Con gli spiccioli? In alternativa è necessario che un candidato Sindaco sia cosciente e vigile su questo aspetto.

Ed infine, la battagliera Solombrino ha specificato: “Opportunità del Recovery Plan, secondo i parametri stabiliti dall’Europa viene concesso all’Italia l’importo dei 209 miliardi proprio perché il tasso di disoccupazione altissimo del Sud e il suo Pil procapite basso richiedono investimenti per ridurre il divario nella misura del 70%. Il 40% non basta e soprattutto, dall’ultimo documento, per il Sud sono previsti solo 22 miliardi. Qui mi rivolgo a Bassolino e a chi crede di poter amministrare la città come Paperon de Paperoni, i numeri sono importanti l’alternativa è la promessa elettorale senza sostanza!”

   

  



Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli