18.9 C
Napoli
8 Ottobre, 2022

Reggio Emilia, Parma, San Giovanni Rotondo e Napoli unite nella mobilitazione contro il “colpo di Stato dei ricchi”




Mentre il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia pressa per la firma dell’Intesa sull’autonomia, ora evocando le piazze, ora appellandosi al Presidente della Repubblica Italiana, in varie forme, in tutto il Paese si estende la mobilitazione contro il federalismo estrattivo, asimmetrico e discriminatorio.

Sul fronte delle forze sociali, la CGIL boccia la bozza “Boccia, in quanto considerata una risposta del tutto inadeguata alla perequazione delle diseguaglianze.

Sul fronte politico, le forze della sinistra radicale non mancano di fare sentire le loro voci contro.

Venerdì 6 dicembre 2019, L’Altra Emilia-Romagna ha promosso a Reggio Emilia l’Assemblea pubblica Verso la secessione dei ricchi? Autonomie regionali e unità nazionale, ed a Parma quella per ribadire il suo No alla regionalizzazione della scuola. No all’autonomia differenziata.

Nel frattempo, sabato 7 dicembre il Partito del Sud e Rifondazione comunista proseguono la loro campagna Sud-Lab – La riscossa del Sud, con l’Assemblea di San Giovanni Rotondo, in cui saranno approfonditi i temi dello sfruttamento del lavoro, dello spopolamento, delle povertà e della costruzione di un’alternativa meridionalista per l’unità del Paese.

Infine, la nuova forza politica meridionalista il Movimento 24 Agosto per l’Equità Territoriale, sta promuovendo una serie di assemblee pubbliche sia a livello nazionale che locale per contrastare la legge quadro “Boccia”.

Sul fronte civile, culturale ed istituzionale, venerdì 6 dicembre a Napoli, nell’ambito della Commissione Cultura del capoluogo partenopeo, in presenza di Pasquale Murone del Comitato “G. Salvemini”, è stato siglato un protocollo d’Intesa tra il Comune di Napoli e l’Osservatorio sul Regionalismo Differenziato della “Federico II”, per intensificare e coordinare le azioni contro il regionalismo differenziato, richiedendo che i Lep vengano definiti in modo rispettoso dei principi di uguaglianza formale e sostanziale fissati dall’articolo 3 della Costituzione.

Sempre a Napoli e sempre venerdì 6 dicembre, unitamente alla riunione del Comitato per la Democrazia Costituzionale, si è tenuta l’Assemblea del Coordinamento “No Autonomia Differenziata”, “per discutere e deliberare sulle iniziative da promuovere nella settimana che va dal 9 al 14 dicembre, fissata dal comitato nazionale come settimana di mobilitazione e controinformazione sulla disarticolazione politica, economica, istituzionale e sociale che l’Italia sta rischiando”.

07/12/2019 – Salvatore Lucchese



Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli