6.1 C
Napoli
30 Novembre, 2021

Poggiomarino: Maurizio Falanga determinato a conquistare la fascia tricolore, sostenuto da un centro destra mai così unito




Ad un anno dalla naturale scadenza del mandato politico retto dal sindaco uscente Leo Annunziata, il prossimo settembre gli elettori poggiomarinesi saranno chiamati alle urne per acclamare i loro nuovi governati comunali, a cui affidare le proprie aspettative e richieste d’aiuto nel quinquennio alle porte.

Ai nastri di partenza,l’avvocato quarantaseienne specializzato in diritto delle imprese,Maurizio Falanga,si ripresenta alla direzione dell’ente di Piazza De Marinis, motivato fino allo sfinimento dalla convinta volontà di rivitalizzare il modello di gestione amministrativa assunto nella propria comunità di appartenenza e di convogliare in un’unica direzione i settori imprescindibili per l’avvio di un convincente e ben strutturato ciclo di rinnovamento territoriale,ora più che mai non rinviabile ancora a lungo perché imposto dalle dissimili ed impellenti esigenze segnalate a gran voce dalle diverse categorie che danno forma alla piramide sociale cittadina.

L’aspirante fascia tricolore Falanga,che ha incassato il coeso e determinato supporto di una coalizione di centrodestra composta dai soggetti politici “Forza Italia,Berlusconi per Falanga”, “Fratelli D’Italia”, “ UDC”, “CambiAmo Insieme”, “Fare Civico” e “Maurizio Falanga sindaco”, si ripromette il medesimo obiettivo perseguito in occasione della passata consultazione elettorale,frustrato però dal trionfo dell’attuale segretario dem, il quale agli sgoccioli della sua attività da sindaco è stato defenestrato dall’ex competitor Falanga, che ha rafforzato il dissenso ostinatamente messo in evidenza dall’opposizione di cui era portavoce, guadagnando l’adesione di tre consiglieri defilati dal gruppo di maggioranza in cui precedentemente si collocavano.

Maurizio Falanga alla nostra redazione: “Poggiomarino si appresta a vivere un’altra stagione elettorale. Questo tempo mi vedrà certamente coinvolto in prima persona. A compimento di un percorso iniziato nel 2016, all’indomani delle elezioni passate. Un percorso fatto da una squadra con un entusiasmo crescente ed un forte attaccamento al paese. Il mio impegno sarà in contrapposizione alla sinistra che ha amministrato negli ultimi anni. Nell’area occupata da movimenti civici e partiti di centrodestra, ma senza alcuna casacca, nessuna tessera di partito, nessun dictat e nessuna sponsorizzazione. Dove ogni decisione nasce dal gruppo, dal territorio, dal confronto e dalla condivisione.Aperti a qualunque dialogo costruttivo.Senza prevaricazioni, ne’ imposizioni. Poggiomarino non ha bisogno di contrasti, ma occorre invece un clima disteso e collaborativo perché possa affrontare con serenità il futuro”.



Potrebbe interessarti anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli