12122018In evidenza:
Ad

Palma Campania: terzo blitz in tre settimane contro il sovraffollamento alloggiativo

Terzo blitz in tre settimane. Altro importante colpo nella lotta a immigrazione clandestina e sovraffollamento alloggiativo

Nella mattinata di ieri, alle prime luci dell’alba, il personale della Polizia Municipale, diretta dal Comandante Ten. Col Fabrizio Palladino e della Polizia di Stato del Commissariato di Nola, agli ordini del dott. Emilio Basile, hanno messo a segno un altro importante colpo nella lotta portata avanti in collaborazione da Amministrazione e Forze dell’ordine contro immigrazione clandestina e sovraffollamento alloggiativo.

Nella centralissima via Municipio, trovati tredici extracomunitari, di origine bengalese, in un appartamento la cui idoneità alloggiativa era pari a sette.



Immediatamente, secondo quanto previsto dalla legge, sono scattate le sanzioni a carico di proprietari e affittuari, nonché lo sgombero dei locali dalle persone in sovrannumero: «Il terzo blitz in tre settimane – Afferma il Sindaco Donnarumma -, è la chiara testimonianza di come, attuando una politica serrata di controlli, mirati e costanti, sia possibile far emergere tutte le situazioni di irregolarità radicatesi sul nostro territorio durante tutti questi anni. Non è un lavoro semplice, né di breve durata, ci vorrà ancora molto tempo prima di regolarizzare del tutto ogni cosa, ma almeno, stiamo trasmettendo un messaggio di totale rigorosità sia ai proprietari, sia agli affittuari. Situazioni di sovraffollamento, ma anche di degrado, riscontrabili ogni volta che si riesce ad entrare in questi appartamenti, non saranno più tollerati e, in attesa di porre definitivamente la parola fine a questa piaga, cerchiamo di porre un deciso stop al suo protrarsi. Non possiamo dire di aver risolto il problema, ma siamo sicuri che, con l’impagabile opera delle forze dell’ordine, che non smetterò mai di ringraziare per quanto stanno facendo, ci siamo incamminati su quel percorso che ci porterà dritti al traguardo».

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Invia Commento