12.1 C
Napoli
28 Novembre, 2022

Palma Campania: Donnarumma perde il più votato dal popolo. Mimmo Rainone lascia la maggioranza




La notizia era nell’aria, ed oggi è arrivata la conferma. Il vicesindaco di Palma Campania, Mimmo Rainone, nonchè assessore e il più votato all’ultima tornata elettorale, lascia la maggioranza Donnarumma e passa all’opposizione.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso, sarebbe il distacco della corrente al centro “Il Casale” che ha impedito a tanti giovani di proseguire le attività sociali.

Contestualmente aderisce ad un neo gruppo consiliare “Palma di Tutti”, insieme al senatore Vincenzo Carbone e la consigliera Gina Santella.

Di seguito il comunicato con cui l’avvocato Rainone comunica la sua scelta.

PALMA DEVE SAPERE LA VERITÀ

Per quattro anni ho lavorato per rendere Palma una città migliore: più bella, più solidale, più pulita.
Da diversi mesi, però, non mi è stato più permesso di farlo. Come è sotto gli occhi di tutti, il sindaco Donnarumma mi ha impedito – spesso con mezzucci indegni e subdoli – di portare avanti le nostre idee. Di fare il bene della città e dei suoi cittadini.
Dall’inizio è stato chiaro però il vero problema: avevo voglia di fare del bene e volevo farlo insieme a tutti i cittadini, senza distinzioni.
Purtroppo però l’attuale sindaco ragiona da oligarca. Ogni occasione è buona non per fare squadra ma per dimostrarsi l’uomo solo al comando. Per privilegiare pochi, magari i soliti, invece di essere al servizio di tutti.
Mi sono reso conto che l’unica cosa che ha a cuore è conquistare i titoli dei giornali: mentre io ponevo il problema della Sogert, delle strade rotte, dei continui allagamenti, di occuparci delle cose care alle persone comuni, si sperperavano soldi in staff e opere mastodontiche, utili solo a farsi pubblicità.
Ormai è chiaro: al sindaco, purtroppo, interessa solo utilizzare e sfruttare Palma Campania per le sue ambizioni politiche personali.
Da quando il partito in cui dice di militare, infatti, gli ha negato la candidatura parlamentare, sta riprovando a mantenere – a tutti i costi e con tutti i mezzi – un potere assoluto sulla nostra città e sulla sua macchina amministrativa.
L’ultimo grave episodio del Casale è l’esempio più concreto di come fa politica: cercando di annientare chi non la pensa come lui. Giovani o anziani cambia poco. Chi vuole portare avanti scelte diverse, seppure utili alla città, va combattuto e messo da parte.
Pur di mettermi in difficoltà e cancellare successi politici e sociali ha tolto la corrente al Casale mettendo in strada decine di ragazzi e ragazze dell’associazione Palma Sociale.
Ho provato in tutti i modi a chiedere un cambio di rotta per il bene della città. Per onorare il patto fatto con i cittadini quattro anni fa. Ma non c’è stato verso. La risposta del sindaco è stata sempre la stessa: al centro dell’azione politica doveva essere solo Lui e non il bene di tutti i Palmesi.
Mentre si proponevano idee, lui rispondeva con attacchi personali sotto banco, minacce velate e piccoli sotterfugi. L’articolo apparso qualche giorno fa la dice lunga. Ha inondato la città di fake news. Cosa che gli riesce benissimo.
Tutto questo è inaccettabile e dopo averci riflettuto attentamente ho scelto di lasciare i miei incarichi e questo sindaco che ha deciso di tradire la città per le sue ambizioni personali.
Da oggi sono, con altri amici, impegnato a costruire una Palma diversa, dove conti il “Noi” e non l’”Io”. Dove tutti possono essere liberi di offrire il proprio contributo. Dove si vince e si lavora insieme per un unico obiettivo: una Palma di tutti e non di pochi.
Oggi ho rassegnato le mie dimissioni da vicesindaco e costituito insieme agli amici Vincenzo Carbone e Gina Santella il nuovo gruppo Palma di Tutti.”



Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli