28.3 C
Napoli
16 Agosto, 2022

Ottaviano e la storia infinita della invivibilità dei propri ambienti nei pressi dell’isola amministrativa




[embedyt] https://www.youtube.com/watch?v=GIP5oR9BHRU[/embedyt]
Riceviamo e pubblichiamo.
Son un cittadino che rispetta la legge e pretendo la piena e libera fruizione della mia proprietà privata. Pretendo il diritto alla libertà personale nel decidere se e quando ascoltare musica e non accetto alcuna costrizione, pretendo la libertà inviolabile di singolo costituzionalmente garantita.

Negazione del diritto alla salute e alla privacy, del diritto di studiare serenamente, diritto al riposo, del principio di trasparenza dell’azione amministrativa (a tal proposito, da chi è permesso tutto ciò, secondo quali prescrizioni e secondo quale norma indisturbatamente si tengono quelle feste fin all’alba o simili attività arrecanti continuo disturbo? Chi è deputato al monitoraggio?)

Per avere tale percezione vocale e musicale, considerata la distanza dalla tendostruttura, è evidente la forte amplificazione dei suoni (nell’audio lezione sportiva serale).
La situazione è ben nota alle autorità competenti ma purtroppo è evidente anche che perdura senza alcun controllo efficace, senza alcuna inibizione e/o prescrizione.
Dalle chiacchiere di pseudo campagna elettorale è necessario fronteggiare i problemi seri e logoranti del territorio.

Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli