27.7 C
Napoli
5 Luglio, 2022

Natale Cuccurese: “Il Sud è senza rappresentanza. La sinistra può ripartire solo da Sud”




In data odierna, il Presidente del Partito del Sud, Natale Cuccurese, ha partecipato alla giornata inaugurale del II Congresso del Partito Comunista Italiano, che, iniziato oggi, proseguirà domani e dopodomani presso il Teatro “4 Mori” di Livorno.

Dopo essersi soffermato sugli aspetti salienti della “nuova questione meridionale” acuita ulteriormente dalle scelte politiche compiute dall’attuale Governo a trazione leghista e neo-liberista, Cuccurese ha dichiarato: “Per costruire l’alternativa popolare di sinistra alle parole d’ordine: antiliberista, ambientalista, anticapitalista, antifascista, femminista e pacifista, aggiungerei meridionalista; visto che il Mezzogiorno non solo è il territorio più povero d’ Europa, ma soffre di discriminazioni e di un razzismo di Stato che addirittura penalizza volutamente anche la durata di vita dei suoi abitanti e quindi ha bisogno di un richiamo e di una sua specificità riconoscibile e riconducibile. Bisogna unirsi tutti su più battaglie, anche sul Mezzogiorno dandogli voce e rappresentanza”.

E dopo avere rimarcato che “Oggi il Sud è senza rappresentanza”, ha così concluso il suo applauditissimo intervento: “A mio avviso la sinistra può ripartire solo da Sud, per dare a questo Paese e ai suoi cittadini una speranza, un’alternativa credibile, un motivo per poter continuare a vivere a lavorare in Italia, per programmare un futuro degno per tutti i cittadini da Sud a Nord senza più discriminazioni e nel rispetto di quella Costituzione nata dalla Resistenza, parlo di quella del 48 dove non c’erano state le modifiche in senso liberista del Titolo V o del pareggio di Bilancio, che da tempo è tradita e calpestata da pochi volponi e da tanti interessati apprendisti stregoni anche nel suo Art. 11 che dice che l’Italia ripudia la guerra”.



Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli