16.1 C
Napoli
5 Ottobre, 2022

La Campania brucia: incendi ovunque, criticità sui Lattari e nel Casertano




Emergenza incendi in Campania. Nella giornata di ieri – fa sapere la Protezione Civile regionale – ne sono stati spenti 27 mentre oggi le fiamme divampano in 12 aree boschive.

Uno dei fronti più “caldi”, in ogni senso, è quello dei Monti Lattari. Qui i focolai sono attivi da ben due giorni. Dopo aver domato le fiamme sul versante tra Sant’Antonio Abate e Angri, un altro ne è scaturito tra Lettere e Angri. Impegnati un elicottero della Protezione Civile e squadre di volontari.

Sono tre invece i fronti di fuoco principali in provincia di Caserta: Mondragone, Sessa Aurunca e la valle di Maddaloni al confine con Caserta, dove sono state evacuate alcune abitazioni ed è stata interrotta la linea ferroviaria Caserta-Maddaloni.

La Protezione Civile della Regione Campania sta attualmente operando sulla zona complessivamente con tre elicotteri e due Canadair nazionali.

Inviate squadre di volontari a Sessa Aurunca dove stamattina è ripreso un focolaio. Ieri la Protezione civile regionale, con squadre di volontari e di Sma Campania, aveva già domato le fiamme anche con l’ausilio di elicotteri.

Nella giornata di ieri, solo nel Casertano, oltre 70 gli uomini del sistema regionale AIB impegnati nella lotta attiva agli incendi boschivi.

A Taurano, in provincia di Avellino, un altro vasto incendio si è sviluppato in località Madonna dell’Arco, minaccia la macchia mediterranea con 600 metri di fronte del fuoco. Il direttore delle operazioni spegnimento della Protezione Civile regionale, che sta coordinando 10 uomini, ha chiesto l’ausilio di un mezzo nazionale che è già al lavoro insieme anche ad un elicottero regionale.

Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli