29.1 C
Napoli
1 Luglio, 2022

Italia – Macedonia. Le pagelle “brillanti” di Aldo Nocera




DONNARUMMA 4: Il Milan l’ha cresciuto, lui l’ha tradito per soldi, andando al Psg e facendo spesso la panchina di Navas. Due partite decisive, in Champions ha regalato la qualificazione, con l’Italia ci ha messo 3 ore per tuffarsi su un tiro dallo stretto di Messina.

FLORENZI 4,5: fa la panchina di Calabria al Milan, ma in Nazionale fa il titolare. Ha due palle gol sui suoi piedi ma calcia alla Hysaj. La verità è che è lo scroto sinistro di Di Lorenzo.

MANCINI 5: È sempre in clima derby ed infatti fa spesso falli di mischia. Peccato perché doveva giocare per far riposare Chiellini in vista della finale, giusto per rendere l’idea del nostro calcio.

BASTONI 5: È difensore da difesa a 3, ma a quattro ha molti limiti, tipo in marcatura, vedi la lentezza sul gol macedone. Bene in uscita. Uscita palla, non uscita dai mondiali. Giocherà alle prossime qualificazione se Chiellini vorrà.

EMERSON 5: Titolare per l’infortunio di Spinazzola. Non è italiano, non gioca in Premier, Liga, Bundes… ma in Italia in terzini vanno in prestito in C. Quindi ciao. PS. Usa il destro solo per scendere dal letto. Scherzo, scende col sinistro.

BARELLA 4,5: All’Inter sta camminando da un mesetto ma deve giocare titolare perché ha vinto l’europeo. Infatti cammina finché non esce. E Pellegrini in panchina.

JORGINHO 3: Campa di rendita. Ha segnato un rigore nella semifinale europea, poi ne ha sbagliati 3 su 3 e numeri alla mano é il maggior colpevole tecnico dell’eliminazione. Il problema è che lui è brasiliano e quindi ai mondiali sarà comunque tifoso attivo.

VERRATTI 4,5:  Psg gioca ad altissimi livelli ormai da anni, ma in Europa cala di rendimento. Con l’Italia diventa un calciatore più che normale. Solo tiki taka e testicoli che scendono giù ai piedi.

BERARDI 5,5: Sbaglia un gol ma rispetto ai suoi compagni di reparto, lui è Pelé e Insigne e Immobile sono Cané e Caná. Deve avere il coraggio di giocare in una grande squadra adesso.

INSIGNE 3: Un solo gol su azione quest’anno ma maglia numero 10 sulle spalle. Il motivo nessuno lo sa. In campo un copia e incolla di quanto sta mostrando a Napoli, ovvero nulla. Sostituito come in ogni partita importante con l’Italia. Welcome to Toronto.

IMMOBILE 3: In Nazionale non segnerebbe nemmeno con le mani. Perché è abituato a fallire nei “top club” come Siviglia e Dortmund. Però giocherà ancora tanti anni in Nazionale perché si tengono conto dei gol nel nostro campionato, uno dei più scarsi d’Europa.

RASPADORI 6: Il futuro è lui. Perché ha voglia, corre, calcia in porta, lotta. Doveva giocare titolare. In un paese meritocratico.

PELLEGRINI 6: Pensare alla sua punizione nel derby 4 giorni fa e vedere le punizioni battute oggi… i brividi. Una sola occasione nella ripresa, dai suoi piedi.

TONALI SV: Pochi minuti, poca possibilità di creare gioco. Non fa filtro sul gol macedone.

JOAO PEDRO SV: L’Italia per andare ai mondiali si affida ad un brasiliano che sta retrocedendo in B e che non segna da Natale. Ciao.

CHIELLINI SV: 54 anni e viene trattato ancora come se fosse un Paolo Maldini più sfortunato. Quando in realtà è un Ciccio Colonnese più cattivo.

ALL. MANCINI 0: Complimenti per gli europei vinti con due lotterie dei rigori, ma uscite con Svizzera e Macedonia lo mette un passo dietro a Ventura. Ha sulla coscienza la fiducia data a Jorginho dal dischetto nei gironi. Stasera dimostra di non aver imparato nulla dagli errori di riconoscenza di Lippi 2010. Almeno metà squadra non era in condizione di giocare nemmeno contro l’Atletico Ananas e lo Sporting Melannurca. Altro che Macedonia.

FIGC 0: Il calcio italiano va azzerato. Vanno dimezzati gli stipendi, vanno mandati in B i club che fanno plusvalenze fittizie o falsificano i bilanci, vanno ricostruiti tutti gli stadi, vanno spediti a casa il 50% di stranieri, vanno cacciati gli arbitri che decidono le partite. Va resettato tutto, compresa la stampa lecchina. Largo ai giovani, l’Italia del calcio è morta il 24 marzo 2022. Era in un coma profondissimo!

GIORNALISTI 0: Chi lecca va spedito in Ucraina a fare cronaca o a Cinecittà a seguire il Grande Fratello. Punto.

Aldo Nocera

Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli