05102021In evidenza:

DDL ZAN: il Senatore Ugo Grassi (Lega) chiarisce il proprio punto di vista affrontando sulla sua pagina social i contestatori

Non ci sta il Senatore Ugo Grassi ad essere additato come “omofobo”, proprio Lui che delle libertà individuali e del rispetto verso l’altrui persona ne ha fatto un proprio stile di vita che lo ha da sempre contraddistinto. Non ci sta a leggere gli insulti gravissimi che ha dovuto subire lui insieme ai suoi colleghi di partito, rei solamente di non appoggiare direttamente e ciecamente un disegno di legge liberticida ma aver rilevato esclusivamente osservazioni di natura tecnica.

In pratica sono accusati semplicemente di aver fatto il loro dovere di parlamentari, analizzando un testo di legge, apportando migliorie, correzioni e osservazioni prettamente tecniche. Tutto qui. Tanto è bastato ai classici contestatori seriali che vagano sui social senza meta per intraprendere dai loro account anonimi, la loro campagna mediatica di contestazioni senza razionale costrutto logico.

Il Senatore Grassi non si è fatto cogliere né impreparato né tanto meno timoroso anzi si è pubblicamente esposto con un post dai contenuti molto tecnici per spiegare le proprie posizioni volte a correggere una legge sbagliata. Difatti lo stesso Senatore Grassi specifica “…che sia una legge scritta malissimo è confermato dal fatto che, caso del tutto unico, la stessa legge è ‘costretta’ a precisare che non è reato la libera manifestazione del pensiero…”.

Ancora aggiunge il Senatore: “il che significa che l’area del penalmente rilevabile è così ampia e MALE definita, da dover espressamente sottrarre all’area applicativa un diritto costituzionale”.

Ovviamente una spiegazione precisa ed esaustiva effettuata non da una persona qualunque bensì da un Senatore, Ugo Grassi, giurista, professore universitario che non si sottrae al proprio ruolo ma si espone pubblicamente non ha potuto fare altro che lasciare i contestatori, meglio noti come i classici “leoni da tastiera” impossibilitati ad entrare nel merito e replicare.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail