27.1 C
Napoli
29 Giugno, 2022

Comitato nazionale per il ritiro di ogni autonomia differenziata: “Noi stiamo ai fatti, ad oggi nessuna modifica della Legge quadro è stata resa pubblica, nessuna rassicurazione ha trovato riscontro”




Per martedì 17 marzo 2020, il Ministro per gli Affari regionali e le autonomie Francesco Boccia ha invitato una delegazione del Comitato nazionale per il ritiro di ogni autonomia differenziata, per l’unità della Repubblica e la rimozione delle diseguaglianze presso la sua sede istituzionale per illustrare il suo disegno legge sul regionalismo differenziato.

Pur commentando con soddisfazione l’invito ricevuto, l’Esecutivo dello stesso Comitato, riunitosi a Roma il 15 febbraio 2020, non ha perso l’occasione per stigmatizzare fortemente il permanere della mancanza di trasparenza sull’iter relativo all’attuazione del regionalismo differenziato.

Negli ultimi giorni – ha precisato l’Esecutivo – si sono moltiplicate le dichiarazioni del governo che intendono tranquillizzare in merito al contenuto della Legge quadro. Noi stiamo però ai fatti: ad oggi nessuna modifica alla Legge quadro è stata resa pubblica, nessuna rassicurazione ha trovato riscontro”.

Ancora una volta, invece, – ha proseguito l’Esecutivo – constatiamo che l’iter dell’Autonomia differenziata non viene portato al dibattito pubblico, in modo trasparente, così da permettere alle/i cittadine/i, alle associazioni, ai sindacati e ai comitati come il nostro di partecipare alla discussione e di intervenire con iniziative tempestive”.

Pertanto, – ha precisato l’Esecutivo – chiediamo al Governo che qualunque novità stia intervenendo venga resa pubblica al più presto. Ciò al fine di permettere a tutte/i di esercitare i propri diritti democratici, che non si limitano al voto in occasione di qualche tornata elettorale, ma si esplicano nella conoscenza di quello che il Governo e il Parlamento preparano e discutono, per potersi organizzare liberamente nel contrastare o sostenere i processi in corso”.

17/02/2020 – Salvatore Lucchese



Potrebbe interessarti anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli