22.3 C
Napoli
19 Settembre, 2021

Ancora rifiuti in fiamme: ora il turno di Marcianise. Il deposito era sotto sequestro




“Bisogna militarizzare tutti i depositi dei rifiuti perché pare evidente che potremmo essere di fronte a una strategia ben delineata tesa a creare il caos nella gestione dell’immondizia”.  Lo ha detto il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione Terra dei fuochi, per il quale “l’incendio nel deposito di rifiuti di Marcianise va ad aggiungersi a quelli dei mesi scorsi a Caivano e San Vitaliano e ad altri che hanno interessato altri siti, compreso quello nel milanese”.

Le fiamme sono divampate stamane nel capannone della Lea che risulta essere posto sotto sequestro. Borrelli non esclude che dietro all escalation ci sia la mano criminale per la gestione dei rifiuti che oltre ad interessare la Campania si sta espandendo poderosamente in tutta Italia. Preoccupazione e allarme da parte del sindaco di Marcianise che parla di disastro ambientale.




Lo stesso con un post su Facebook lancia l appello : “Chiudete le finestre” “I residenti a Marcianise sono vivamente pregati di tenere chiuse porte e finestre, evitando che negli edifici entrino flussi d’aria dall’esterno. L’aria ha raggiunto livelli di inquinamento che destano allarme, soprattutto nelle zone di periferia a ridosso dell’area industriale. Tutto ciò è stato determinato dal noto, gravissimo incendio di rifiuti divampato stamani in uno stabilimento – la Lea – nella zona industriale di Marcianise. Al momento non siamo in possesso di dati certi, che l’Arpac non riesce ad elaborare soprattutto per i repentini cambi della direzione del vento. Nell’attesa di dati certi e di conseguenti provvedimenti che verranno assunti, è opportuno assumere condotte di prudenza – ha spiegato il primo cittadino – È perciò vivamente consigliato tenere chiusi gli infissi degli edifici ed evitare di transitare nella zona industriale. Alcuni primissimi accertamenti dei Vigili del Fuoco hanno determinato già la chiusura immediata e il blocco di diversi impianti industriali ubicati nelle vicinanze”.

#Vicinanza



Potrebbe interessarti anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli