29.8 C
Napoli
4 Luglio, 2022

Afghanistan: corridoi umanitari per le giornaliste, saranno i primi bersagli dei talebani




L’APPELLO DELLE CPO CNOG, FNSI, USIGRAI E DELL’ASSOCIAZIONE GIULIA: “CORRIDOI UMANITARI PER LE GIORNALISTE AFGHANE, SARANNO TRA LE PRIME VITTIME DEI TALEBANI”
I componenti della Commissione Pari Opportunità del Consiglio Nazionale dei Giornalisti, insieme con la Cpo Fnsi, la Cpo Usigrai e GiULiA giornaliste, sono molto preoccupati, a seguito di testimonianze dirette ed indirette raccolte in questi giorni, per la sorte delle colleghe afghane. La libera informazione messa oggi al bando dalla conquista talebana, le difficoltà e i pericoli per i giornalisti che hanno manifestato in questi anni il loro libero pensiero, le intimidazioni e le minacce, vedono le donne professioniste dell’informazione come prime vittime, costrette alla fuga, a rischio – come denuncia l’International Federation of Journalists – della propria vita.
Come già chiesto alla comunità internazionale anche in un appello delle giornaliste spagnole, serve una speciale attenzione “alle donne in una situazione particolare di pericolo, sia per aver svolto mansioni professionali vietate dai talebani, sia per aver frequentato scuole e università, sia per aver condotto la propria vita al di fuori della moralità fanatica o per qualsiasi altro motivo”.
Servono nell’immediato corridoi umanitari, serve un’azione politica perché il potere talebano mantenga aperte le frontiere e i Paesi vicini siano pronti alla prima accoglienza, serve soprattutto che – passata l’emozione dei primi momenti – resti alta l’attenzione internazionale: per questo è necessario riuscire a garantire il flusso di informazione dall’Afghanistan, tutelando le professioniste e i professionisti di questo Paese e garantendo l’accesso ai media internazionali.
Non ci illudiamo purtroppo di fronte alle prime mosse propagandistiche, che concedono a giornaliste la conduzione televisiva. Chiediamo a tutti i nostri organismi di aderire all’appello dell’IFJ per la solidarietà internazionale nei confronti della libera stampa afghana, e rivolgiamo la stessa richiesta a tutte le giornaliste e i giornalisti italiani che hanno incarichi e ruoli pubblici, in Parlamento e nel Governo italiano, così come al Presidente del Parlamento europeo David Sassoli e al Commissario europeo Paolo Gentiloni.
Come giornaliste e giornalisti italiane ci sentiamo impegnati perché resti alta l’attenzione internazionale sui diritti delle donne afghane e sulla libera informazione.

Potrebbe interessarti anche

Ultimi Articoli