28.3 C
Napoli
28 Settembre, 2021

Accadde oggi: 4 luglio 1934 muore Marie Curie, la donna che ha scritto il futuro




Maria Salomea Skłodowska, più conosciuta come Marie Curie, è la donna che ha cambiato la scienza e migliorato la vita. Il suo contributo alla ricerca è inestimabile e i due Nobel (unica donna ad averlo vinto due volte e in due diversi campi), ricevuti nel 1903 e nel 1911, rispettivamente per la Fisica e per la Chimica, rappresentano il degno riconoscimento a un’intera vita spesa per la scienza.

Nata in Polonia, a Varsavia, dal momento che nella sua terra le donne non potevano frequentare gli studi, si trasferì a Parigi e si laureò in fisica e matematica alla Sorbona nel 1894 e lì condusse le proprie ricerche che la portarono ad analizzare le sostanze radioattive, fino alla sensazionale scoperta del radio e del polonio. Nal 1895 sposò il suo collega Pierre Curie con il quale nel 1903 condivise il premio Nobel per la fisica (insieme ad Antoine Henri Becquerel) per i loro studi sulla radioattività. Si racconta che a un giornalista che le chiese come ci si sentisse ad aver sposato un genio, la Curie rispose: «Non so, chiedetelo a mio marito». Pierre Curie morì prematuramente nel 1906 dopo essere stato investito da una carrozza mentre attraversava sotto la pioggia Rue Dauphine, all’altezza del Pont Neuf.

Fu la prima donna ad insegnare alla Sorbona (ottenne la cattedra in Fisica generale). Durante la Prima guerra mondiale si occupò, come radiologa, dei soldati feriti. Pagò a caro prezzo i lunghi studi sulle radiazioni, contraendo una grave forma di anemia aplastica che la condusse a morte nel luglio del 1934, a Passy (in Francia).



Potrebbe interessarti anche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli