10162018In evidenza:

7 luoghi inaccessibili sul nostro pianeta

Sembra che oggi si può andare ovunque avendo soldi e desideri. Tuttavia, ci sono alcuni posti dove i turisti non possono entrare. Non resta che ammirarli in foto.

Surtsey, un’isola vulcanica disabitata in Islanda

Il motivo del divieto: esperimenti scientifici

Nel 1963 nelle acque dell’Islanda a seguito di una serie di eruzioni vulcaniche si è formata una nuova isola di 2,7 chilometri quadrati. Ciò ha subito suscitato l’interesse da parte degli studiosi, rappresentando un nuovo osservatorio-modello geologico.

Gli scienziati stanno studiando la colonizzazione dell’isola da parte di piante e animali. Per non interferire con la scienza, l’accesso dei turisti all’isola è chiuso.

L’isola di North Sentinel, India

Sull’isola, situata nel Golfo del Bengala, abita una tribù di indigeni che rifiuta qualsiasi contatto con il mondo esterno. Le persone che hanno provato a contattarli sono stati attaccati.

Per esempio, nel 2004 l’isola è stata colpita da uno tsunami. Per aiutarli il governo indiano ha inviato un elicottero ma gli aborigeni bersagliavano i soccorritori con le frecce.

Secondo gli scienziati, la tribù trascorre l’isolamento da circa 60 anni.

Le Grotte di Lascaux, Francia

Il motivo del divieto: l’anidride carbonica, esalata dalle persone, distrugge le incisioni rupestri

Le pitture rupestri hanno più di 17 mila anni. In precedenza, vi erano visite guidate, ma l’anidride carbonica emessa dal respiro dei visitatori, creava un disturbo del microclima rovinando le pitture che cominciavano a deperire.

Ora solo gli scienziati possono accedere alle grotte.

L’isola di Queimada Grande, Brasile

Il motivo del divieto: serpenti velenosi

L’Isola si trova a 35 chilometri dalle coste del Brasile. Dalle foto sembrerebbe un paradiso, ma per le visite sono vietato severamente. Quasi 4.000 serpenti killer per 0,43 chilometri quadrati. Il morso di questi animali provoca la morte istantanea.

E’ da brividi la vicenda dell’ultimo guardiano del faro e di tutta la sua famiglia che furono morsi da serpenti che si fecero strada nella loro casa attraverso le finestre. Essi provarono a lasciare l’isola, ma vennero ripetutamente attaccati direttamente da alberi e cespugli. Sfortunatamente, la famiglia non riuscì a fuggire. Da allora, al faro è stato un sistema in modalità automatica.

Santuario di Ise, Giappone

Il motivo del divieto: l’entrata consentita ad una stretta cerchia di persone

Questo santuario è il più antico luogo custode dello shintoismo, la religione principale del popolo giapponese. Soltanto i sacerdoti di altissimo rango e la famiglia imperiale possono entrare. Il resto della popolazione, invece, può solo ammirare da lontano. Il santuario principale è recintato con un’alta staccionata in legno.

Fino al 1945 l’entrata era ancor più complicata poiché il fiume Miyagawa separava il tempio dal mondo esterno. Era considerato un confine naturale tra la terra peccaminosa e quella sacra.

Lo Svalbard Global Seed Vault, Norvegia

La costruzione iniziata nella metà 2006 è stata ufficialmente aperta nel febbraio 2008, costando 9,6 milioni dollari.

Si trova a 120 metri di profondità all’interno della roccia ad un’altitudine di 130 metri sul livello del mare. Qui vengono raccolti i semi di tutti i tipi di piante sulla terra, conservati a una temperatura costante -18C.

Se il mondo dovesse esaurire tutte le risorse naturali, a causa di ciò potrebbe esserci una carestia, l’immagazzinamento permetterebbe di salvare l’umanità. Si suppone che da questi semi sarà possibile coltivare nuove piante che daranno sussistenza alle persone.

L’Area 51, inizialmente chiamata “Nevada Test Site – 51, Stati Uniti

Dal 1950 viene utilizzata per scopi misteriosi dal governo americano. La base militare è situata nel deserto del Nevada.

E’ interessante sapere come la zona non è stata segnata su nessuna mappa fino a pochi anni fa. Intorno a quest’area si sono accumulate con gli anni molte chiacchiere.

Una delle versioni parla di come nell’area 51 stanno eseguendo test di armi nucleari. Altre sostengono la presenza di UFO, che tanti anni fa sono atterrati sulla Terra.

Così, una volta il Daily Express ha pubblicato la notizia che uno dei passeggeri della compagnia American Airlines ha catturato delle luci misteriose e un disco gigante sopra l’Area 51. Nel 2015 la sua serie di fotografie è stata pubblicata dal giornale.

Inoltre, vi sono stati molti incidenti aerei che non sono ancora chiari. Secondo i dati ufficiali, alla base sono stati sviluppati velivoli sperimentali e equipaggiamenti militari. Quindi, cosa si nasconde Nevada Test Site-51?

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Invia Commento